Politica

Sinistra Ecologia e Libertà: è nato il Circolo di Quiliano-Vado

sinistra ecologia libertà

Nei giorni scorsi sono stati costituiti il “Circolo Territoriale Sel Quiliano / Vado L”. e il “Laboratorio Politico Culturale”.
Il Circolo Territoriale S.E.L. Quiliano / Vado L. è  un nuovo soggetto politico organizzato, a livello territoriale,  da chi ha aderito al Progetto Nazionale di Sinistra Ecologia Libertà ed è   formato da un gruppo intergenerazionale di persone che provengono da esperienze diverse.

“Obiettivo prioritario del Circolo – si legge in una nota – è quello di risvegliare, sul territorio, l’interesse nella politica intesa come  cultura, come ideazione e realizzazione di progetti attraverso lo strumento della partecipazione attiva dei suoi aderenti”.

L’Assemblea degli iscritti ha individuato un primo Coordinamento Operativo formato da: Nicola Isetta (portavoce), Giovanni Borgna, Rosanna Lavagna,  Marco Manca e Elvio Tarditi. Tesoriere: Giuseppe Acquati. Responsabile Comunicazione: Alberto Collà Ruvolo.

L’Assemblea degli iscritti ha altresì deciso di costituire un “Laboratorio Politico Culturale” inteso come luogo aperto ed orizzontale di confronto e di partecipazione. Al “Laboratorio” aderiscono automaticamente gli iscritti del Circolo S.E.L. di Quiliano/Vado  e inoltre tutti coloro che  che intendano collaborare  e confrontarsi, sui temi della politica e della cultura, con il progetto di Sinistra Ecologia Libertà.

“Il ‘Laboratorio’ – fanno sapere da Sel – pone al centro della sua azione il valore della politica come fattore collettivo di partecipazione, di confronto  e di produzione di cultura, di idee e di azioni conseguenti; al suo interno si opera con spirito di solidarietà, di fiducia nell’altro e ognuno viene valorizzato per le sue competenze e  la sua disponibilità. Questo è anche un luogo in cui divertirsi, provare il piacere dello stare insieme, promuovere la bellezza della vita e della sua condivisione”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.