Indagine all'Itis di Albenga in campagna elettorale: esposto-querela del prof. Barbieri - IVG.it
Cronaca

Indagine all’Itis di Albenga in campagna elettorale: esposto-querela del prof. Barbieri

Palazzo di Giustizia (Tribunale) di Savona

Albenga. Un esposto-querela contro ignoti consegnato alla Procura della Repubblica di Savona. Il prof. Gianfranco Barbieri, insegnante presso la scuola secondaria di I° Grado -“Mameli – Alighieri” di Albenga chiede così chiarezza sulla vicenda che lo ha visto tirare in ballo durante la recente campagna elettorale per le comunali ingaune, in quanto candidato per l’Italia dei Valori.

A pochi giorni dalle elezioni il prof Barbieri è venuto a conoscenza che qualcuno, non si comprende a quale titolo e su che basi, ha richiesto al prof. Gian Maria Zavattaro, Dirigente Scolastico “Reggente” dell’istituto albenganese, di fare una indagine sul presunto illecito utilizzo di materiale scolastico per fini di propaganda elettorale da parte dello stesso professore e candidato dell’Idv.

“Nessuno ha richiesto al sottoscritto alcuna relazione scritta e non c’è alcun rapporto di subalternità ne di sudditanza tra le scuole che dirigo, la cui autonomia è costituzionalmente garantita” è stata la risposta del prof. Zavattaro, che ha però aggiunto “Mi è stato invece richiesto verbalmente di verificare se nel corso della campagna elettorale fossero emersi comportamenti deontologicamente discutibili e giuridicamente scorretti all’interno dell’I.T.I.S “G. Galilei” di Albenga da parte di alcuni candidati della lista Italia dei Valori, di casa a Campochiesa.

“Il prof. Gian Maria Zavattaro ha ammesso che qualcuno aveva comunque formulato illazioni su candidati dell’Italia dei valori che collaboravano con la scuola mettendo in dubbio la correttezza comportamentale degli stessi, mediante il sospetto di un indebito utilizzo del materiale scolastico. Il prof. Zavattaro non ha mai voluto rivelare al diretto interessato l’identità delle persone che avevano formulato tali illazioni, nonostante successive e formali richieste” afferma il prof. Barbieri, che ha in mano le prove che a suo carico era stata invece ordinata di redigere una apposita relazione sul suo comportamento.

Con l’esposto querela il prof Barbieri vuole quindi conoscere l’identità delle persone che sono andate a richiedere il controllo sulla sua attività professionale mettendo in dubbio la sua integrità morale e professionale, dichiarandosi pronto a costituirsi parte civile nel possibile procedimento giudiziario.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.