Due piccoli allocchi soccorsi dall'Enpa nell'ex Ferrania - IVG.it

Due piccoli allocchi soccorsi dall’Enpa nell’ex Ferrania

allocchi

Approfittando della sospensione dell’attività della ex 3M di Ferrania, la natura si sta appropriando delle aree. Una coppia di allocchi (un rapace notturno che si ciba di topi, piccoli uccelli, insetti e lombrichi) ha infatti deposto due uova presso lo stabilimento.

Qualche giorno fa i due cuccioli di allocco sono stati raccolti a terra, affamati e feriti, e consegnati alle cure dei volontari della Protezione Animali di Savona. Ora vengono alimentati artificialmente ed accuditi in modo da preservarne la selvaticità. Probabilmente tra due settimane saranno già in grado di volare e verranno liberati in una zona protetta dell’entroterra.

L’Enpa ricorda tuttavia che i cuccioli ed i giovani di alcune specie, ritrovati da soli sulle spiagge o nei boschi, non sono affatto abbandonati e non bisogna assolutamente prenderli: si tratta di caprioli, lepri, gabbiani, merli e cornacchie, le cui madri e genitori sono nelle vicinanze a cibarsi o li sorvegliano nei primi voli; ma non li riconosceranno più come propri se soltanto vengono toccati. Conviene quindi osservarli da lontano e soccorrerli soltanto se, entro due ore, non si è avvicinato nessun adulto

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.