Cronaca

Albissola, Poggio del Sole: ecco il documento che “incastra” il Comune

poggio del sole villette

Albissola M. Un documento che “incastra” il Comune di Albissola Marina alle sue responsabilità e rivela come l’amministrazione comunale poteva fermare, eccome, i lavori di costruzione delle villette di Poggio del Sole. E’ quanto hanno consegnato alla Procura della Repubblica di Savona gli abitanti delle otto abitazioni che dal 23 febbraio scorso sono costretti a vivere da parenti, amici, in altri alloggi o addirittura in alberghi o residence. Una situazione difficilmente tollerabile ancora a lungo.

Il documento, inedito, fatto arrivare alla nostra Redazione dagli abitanti di Poggio del Sole è l’ “Atto unilaterale d’obbligo relativo alla Variante 2003 dello strumento urbanistico attuativo in zona E19 (l’area delle villette)”, firmato il 22 ottobre 2004. Per gli abitanti delle villette la verità in questa tormentata vicenda sta nell’articolo 13: “L’avvenuta ultimazione a perfetta regola d’arte delle opere di urbanizzazione realizzate dai richiedenti, dovrà essere verificata ed attestata dall’ufficio tecnico comunale.”

Mentre all’articolo 14: “Le costruzioni oggetto del presente atto unilaterale d’obbligo dovranno essere eseguite in conformità delle previsioni dei progetti approvati con i permessi di costruire che saranno rilasciate. In sede di tale approvazione, senza che ciò costituisca variante al Piano, saranno consentite modeste variazioni formali per ragioni di impostazione progettuale…”

E ancora all’articolo 19: “In caso di inadempienza da parte dei Richiedenti a quanto previsto dal presente atto d’obbligo, ferme restando le sanzioni penali e amministrative di cui alla vigente legislazione urbanistica, il Comune previa diffida potrà, entro 30 giorni dalla notifica della stessa ai Richiedenti, sospendere l’esecuzione dei lavori e non fare luogo al rilascio degli eventuali ulteriori permessi di costruire o revocare quelli già rilasciati nella zona che a suo giudizio riterrà interessata dalle inadempienze…”

Il documento è stato firmato da: Società Alfa Costruzioni edili, Gila Srl, KOS immobiliare in liquidazione, Società futura 200 srl e Società Am costruzioni, oltre che dal segretario comunale (dott.ssa giovanna Genova).

Un documento che si aggiunge a quello della Comunità montana del Giovo del maggio 2006 che esplicitava i problemi di ordine idrogeologico con le relative carenze strutturali. E intanto i lavori di rinforzo previsti nell’area colpita dalla frana sono stati ormai sospesi da tempo.

In conclusione, secondo gli abitanti di Poggio del Sole, il Comune poteva disporre le necessarie opere di messa in sicurezza necessarie per costruire, cosa non avvenuta e non ha proceduto alla verifica delle diverse varianti apportate al progetto di edificazione nel corso degli anni. In sostanza il documento dimostra che il Comune poteva sospendere i lavori e revocare i permessi di costruire.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.