Albissola ospita artisiti di fama internazionale per una..."mille e una notte" - IVG.it

Albissola ospita artisiti di fama internazionale per una…”mille e una notte”

Villa La Pineta - Albissola Marina

Albissola M. Sandi Hilal e Alessandro Petti, urbanisti/artisti di Betlemme di fama internazionale e autori dei grandi Passaporti installati ai Giardini della Biennale di Venezia del 2003, saranno ad Albisola per un progetto speciale dal 1 al 12 Giugno.

Si tratta dell’iniziativa “Albissola-Betlemme. Le mille e una notte” ed è un evento collettivo durante il quale, per due settimane, artisti, scienziati, filosofi, storici e scrittori si incontreranno nelle sere d’estate intorno a un tavolo comune (a villa La Pineta ad Albissola Marina) preparato ad accogliere gli ospiti per condividere storie e riflessioni sull’arte e sulla cultura contemporanea. L’evento è aperto al pubblico. Poiché lo spazio disponibile è limitato, tutti gli interessati sono pregati di intervenire previo appuntamento: tel. 3939113367.

Il 12 giugno, alle ore 21.00, a Villa Gavotti della Rovere andrà in scena “Dalla Bibbia al Corano”, una performance di “teatro di poesia” – parole e musica per la regia di Giuseppe Conte e con la straordinaria partecipazione del poeta e saggista Adonis. Il progetto consiste nel produrre una lettura scenica tratta dal libro di Adonis – massimo poeta arabo vivente – “Storia lacerata nel corpo di una donna” (ed. Guanda), poema drammatico sulla libertà femminile a partire da una storia, come quella di Hagar, la concubina di Abramo, che ricorre nella Bibbia e nel Corano, e fa, dunque, da cerniera alle grandi religioni monoteiste.  Giuseppe Conte, poeta e scrittore, che per primo ha fatto conoscere Adonis al grande pubblico italiano, è autore di numerose raccolte di poesia (Premio Viareggio 2006) e di romanzi, l’ultimo dei quali “L’Adultera” (Premio Manzoni 2008), verte su tematiche analoghe.

Enrico Campanati, che interpreterà la voce maschile, è legato stabilmente al Teatro della Tosse di Genova con cui anche Carla Peirolero, che si esibirà nel ruolo femminile, ha collaborato per quindici anni, prima di dedicarsi all’ideazione e produzione di spettacoli ed eventi interculturali, fondando il Festival delle Culture e la Compagnia Multietnica del Suq.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.