“Creativamente”: incontro al Santuario di Savona con Carla Rossi

Savona - santuario

Savona. Sabato 17 aprile alle ore 10, presso il Museo del Santuario di Nostra Signora di Misericordia di Savona, prosegue la quinta edizione del progetto “Creativamente”, organizzato dalla cooperativa sociale La Polena, dedicato al tema della bellezza. Protagonista dell’incontro sarà la ceramista Carla Rossi.

Carla Rossi vive e lavora a Savona. Nel 1973 frequenta il primo corso per ceramisti organizzato dalla Regione Liguria ad Albisola (Savona). Costituisce con alcuni amici, a Savona, un laboratorio dove si vive la ceramica e si approfondiscono lo studio e la ricerca delle arti visive, sperimentando diverse forme di comunicazione. Dal 1974 al 1980 espone essenzialmente oggetti di ceramica e di materiale refrattario. Negli anni ottanta si dedica ad un lavoro di ricerca attraverso il recupero e l’assemblaggio di oggetti trovati (filo di ferro, pezzi di lamiera, legni risputati dal mare, pietruzze, sassi), spaziando dagli objets trouvés di Duchamp al Merzbau di Schwitters ai collages di Cornell; questi oggetti vengono recuperati e riqualificati, ritenendoli capaci di generare nuova bellezza. Realizza piccoli cassetti come cornice/contenitore e realizza installazioni all’aperto o in luoghi inusuali. Negli anni novanta gli oggetti realizzati con materiali trovati e le installazioni lasciano sempre più sovente lo spazio alla ceramica e, a volte, si integrano per dare luogo a nuove sculture-installazioni.

Carla Rossi si misurerà con la realtà museale del Santuario di Savona, nata per volontà e impegno di A.S.P. Opere Sociali di N. S. di Misericordia, della Diocesi di Savona-Noli e della Regione Liguria.

Il Museo del Santuario unisce nel suo suggestivo percorso opere d’arte legate al vecchio Museo del Tesoro ed alla collezione dei dipinti dell’artista Eso Peluzzi. Nelle differenti sale espositive è possibile ripercorrere la storia del Santuario attraverso i preziosi che rappresentano un segno tangibile della costante devozione verso la Madonna della Misericordia. Fanno parte della collezione numerosi doni tra i quali paramenti sacri, argenti e gioielli offerti da nobili dame, importanti esponenti politici e del clero, ma anche semplici tavolette ex-voto talvolta dipinte dello stesso fedele in segno di riconoscenza per la grazia ricevuta.

All’interno del percorso, nel “salone delle carrozzelle”, sono custoditi i dipinti del pittore Peluzzi che testimoniano un altro intenso legame nato a Santuario: quello tra l’artista ed i degenti dell’ospizio, fonti primarie d’ispirazione. Nelle pennellate dai colori freddi che descrivono gli anziani nella loro quotidianità percepiamo la profonda ricerca d’equilibro nel recuperare, dopo la traumatica esperienza della guerra, la dimensione più intima ed umana del rapporto tra la vita e la morte. I suoi segni diventano un linguaggio che esprime l’emozione autentica della realtà umana e che ancora oggi è in grado di parlare al visitatore invitandolo alla riflessione.

I restanti incontri previsti dal progetto Creativamente si svolgeranno in altri luoghi d’arte: il 22 maggio presso il Civico Museo Archeologico di Savona ed il 19 giugno presso Museo del Vetro di Altare. Gli incontri saranno rispettivamente con i maestri  Franco Bratta e Rosanna La Spesa.

Il progetto è realizzato grazie al Comune di Savona, la Provincia di Savona, ed il contributo della Fondazione A. De Mari e del Gruppo Redancia srl.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.