IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

CeRSAA, tre progetti per la promozione floricola: in arrivo dalla UE 3,8 mln di euro

Albenga. Il Centro Regionale di Sperimentazione e Assistenza Agricola (CeRSAA) di Albenga ha ottenuto il finanziamento da parte della Commissione Europea di tre importanti progetti preparati e presentati nel corso del 2009, con al centro la promozione della produzione florovivaistica locale.

Il primo progetto – il cui acronimo è “Aroma” – è cofinanziato dal programma INTERREG ALCOTRA (azioni di sviluppo  transfrontaliero tra Italia e Francia) ed ha come obiettivo la valorizzazione di risorse preziose quali le piante aromatiche presenti ella Riviera italo-francese per molteplici applicazioni non tradizionali, oltre che rivitalizzazione di alcune specie presenti in Riviera sia come patrimonio culturale che di coltivazione, senza contare l’ampliamento delle possibilità imprenditoriali in campo agricolo ed alimentare.
Le azioni del progetto sono, quindi, da un lato finalizzate alla fornitura di strumenti operativi per i soggetti imprenditoriali e per la produzione di aggiornate misure di “governance” e dall’altra favorire una migliore sostenibilità ambientale delle attività umane, la riduzione dell’inquinamento delle aree costiere e la valorizzazione delle risorse del territorio. Partner di questo progetto sono il CRA FSO – Sanremo (IM) – in qualità di capofila, il CREAT (Centro di ricerca e assistenza tecnica) – Camera di commercio di Nice, l’Università degli Studi di Genova e di Torino, l’EPLEFPA di Antibes, oltre al CeRSAA di Albenga. Questo programma ha una dotazione finanziaria complessiva di oltre 1 milione di euro.

Il secondo progetto, denominato “Pyrgi”, è cofinanziato dal programma INTERREG MARITTIMO ed è finalizzato allo sviluppo di settori di nicchia dell’economia rurale e agroindustriale del nord del mediterraneo attraverso la valorizzazione multifunzionale di numerose produzioni, dagli agrumi alla borragine, dal mirto al basilico. Il potenziamento della filiera economica che va dal produttore e termina con il consumatore passa, quindi attraverso la trasformazione, la promozione e la commercializzazione dei prodotti, sia quando utilizzati per scopi alimentari, che quando utilizzati per realizzare preparazioni nutraceutiche, o cosmetiche. Oltre al CeRSAA, Capofila del progetto, partecipano al programma l’Università di Sassari, L’università di Pisa, l’INRA della Corsica, l’azienda agrituristica “Le Giaire” di Calizzano, l’Università di Genova, il Comune di Celle Ligure e Hybrida, un’impresa agricola che si occupa di miglioramento genetico. Questo programma ha una dotazione finanziaria complessiva di circa 1,1 milioni di euro.

Infine, il terzo progetto, sempre cofinanziato dalla Commissione europea, con una dotazione finanziaria che supera 1,7 milioni di euro, si occuperà dello sviluppo sostenibile della floricoltura, partendo dalla spinta verso la ricerca di nuove specialità ornamentali, fino alla loro gestione a basso impatto ambientale e all’impiego di energia per le attività produttive preveniente da fonti rinnovabili.

“Il lavoro di sperimentazione, collaudo e divulgazione delle innovazioni, che da molti anni caratterizza l’attività di questa Azienda Speciale della CCIAA di Savona, è stato premiato quest’anno in maniera particolarmente significativa dalla Commissione Europea. Grazie agli strumenti economici messi a disposizione e ad una progettualità che coinvolge e rende visibili tutti gli attori delle filiere individuate sarà possibile accelerare la ripresa economica di quelle aziende che fanno della qualità e della tipicità delle produzioni l’arma vincente per aggredire il mercato” afferma Giovanni Minuto, Direttore del CeRSAA

“Le buone idee, unite alla voglia di favorire lo sviluppo integrato e multifunzionale delle imprese – agricole, ma non solo – appoggiate dall’importante cofinanziamento dell’Ente Camerale sono lo strumento vincente per fare del CeRSAA un importante motore per la crescita e la valorizzazione del nostro territorio, dalla costa all’entroterra”, conclude il presidente del CeRSAA, Ennio Fazio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.