Cronaca

Albenga, caso Tomaso Bruno: “Impegno diretto della Farnesina”

Tomaso Bruno - in carcere in India

Albenga. La Farnesina sta seguendo da vicino il caso di Tomaso Bruno ed Elisabetta Boncompagni, i due italiani accusati di omicidio e attualmente detenuti in India. Lo hanno reso noto i deputati Eugenio Minasso (Pdl) e Roberta Pinotti (Pd), al termine di un incontro con il Sottosegretario agli Esteri Alfredo Mantica che ha l’incarico di seguire la vicenda dei connazionali.

Tutti i canali diplomatici con le autorità indiane sono stati attivati, anche in vista della prossima udienza che potrebbe portare alla scarcerazione dei due giovani.

“Il Sottosegretario – spiegano in una nota i due deputati – ha assicurato che sono stati attivati tutti i canali per dialogare con le istituzioni indiane, soprattutto dopo il ricevimento delle migliaia di firme raccolte tra gli amici e i concittadini dei due ragazzi detenuti a sostegno della loro innocenza e per chiedere l’interessamento del nostro governo affinché le autorità dell’India procedano con chiarezza e trasparenza”.

“La Farnesina, il Ministro Franco Frattini e il Sottosegretario Mantica -concludono i deputati- sono attivati al più alto livello sul caso e relazioneranno all’onorevole Minasso e alla senatrice Pinotti ogni novità. Si spera che le famiglie coinvolte in questa difficile esperienza, possano essere tranquillizzate e confortate dal fatto che il Ministero tutto sta producendo il massimo dello sforzo perché si arrivi al più presto alla soluzione auspicata”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.