Cronaca

Omicidio Centa, Garcia e Pederiva rispondono al gip: lite scoppiata per una ragazza

Savona. Hanno risposto alle domande del gip Donatella Aschero e hanno raccontato la loro verità. Christian Pederiva, 29 anni, e Luis Miguel Garcia Redondo, 37 anni, sentiti questa mattina nel carcere Sant’Agostino di Savona hanno spiegato che cosa è accaduto la sera di mercoledì alla foce del Centa. A fornire più spiegazioni è stato Luis Miguel Garcia che ha anche chiarito come si sarebbe accesa la discussione.

Secondo la versione data dallo spagnolo, la sera del delitto, alla foce del Centa si trovavano lui, Pederiva e la sua compagna, una ragazza albenganese, per fare un barbecue insieme. Solo in un secondo momento sarebbe arrivato Hassan Oayane che si è aggiunto a loro. Garcia ha anche precisato che non conosceva il marocchino. La lite sarebbe scoppiata perché Oayane ha iniziato ad importunare pesantemente la compagna di Pederiva.

A quel punto, complice anche l’alcol, tra i due sono volate parole grosse che sono poi degenerate in spintoni, calci e pugni. Poi Oayane avrebbe estratto un coltello, imitato da Pederiva. E’ a questo punto che Luis Miguel Garcia sarebbe intervenuto solo per tentare di dividerli, ma la vittima e Pederiva, più grossi di lui, l’avrebbero spinto via e allontanato. Nel frattempo, sempre secondo il racconto dello spagnolo, la ragazza sarebbe fuggita via.

Luis Garcia ha spiegato che Oayane e Pederiva si sono colpiti a vicenda, ferendosi reciprocamente, ma che quando lui e l’italo-cileno si sono allontanati il marocchino era vivo. Secondo lo spagnolo, che ha poi accompagnato Pederiva al pronto soccorso per essere medicato, anche Oayane, mentre loro si allontanavano dall’area pic-nic, stava scappando a piedi.

Lo spagnolo si è quindi dichiarato estraneo all’accoltellamento. Pederiva invece avrebbe ammesso che c’è stata una colluttazione ma anche lui avrebbe sostenuto che il marocchino era vivo quando si sono allontanati dalla foce del Centa. Il giudice per le indagini preliminari Donatella Aschero dopo aver sentito i due si è riservata di decidere sulla convalida dei fermi. E’ altamente probabile che comunque entrambi resteranno dietro le sbarre.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.