Cronaca

Infermiere scomparso: i cani fiutano le tracce ma resta il mistero

Luca Salvatico

Toirano. Due prove, effettuate in due momenti diversi, con i cani bloodhound e un unico risultato che, in questo momento, costituisce l’unica certezza per gli inquirenti: Luca Salvatico, l’infermiere del Santa Corona scomparso ormai da due giorni lungo la strada che collega Bardineto a Toirano, dopo aver lasciato la sua auto nella zona di Carpe, ha percorso ancora un chilometro e mezzo a piedi giungendo fino al piazzale della discoteca “Domina” dove praticamente scompare nel nulla.

A fiutare il tragitto percorso dall’uomo sono stati i cani segugio specializzati in questo tipo di ricerche: ieri i soccorritori hanno seguito il percorso indicano dal cane del soccorso alpino lombardo, mentre questa mattina un suo “collega a quattro zampe”, ma stavolta del soccorso alpino piemontese, ha ripercorso la stessa identica strada. Questo è l’unico punto di partenza certo su cui riflettere e da cui ripartire: i cani bloodhound sono infatti esemplari affidabilissimi, utilizzati anche dalla polizia svizzera, e i risultati delle loro ricerche sono anche utilizzati come prove in sede di processo.

Si può dunque ipotizzare che Salvatico, dopo aver percorso a piedi quel tragitto, sia salito – o sia stato costretto a salire – su una vettura che l’ha portato chissà dove. E così, l’ipotesi del suicidio lascia il passo a quelle più “probabili” dell’allontanamento volontario o del sequestro.

Intanto, si attende la scadenza delle 72 ore dall’inizio delle ricerche, momento in cui l’infermiere del Santa Corona verrà dichiarato per legge “scomparso”. Poi, si dovrà capire come i soccorritori intendano agire. Sul posto si trovano circa una cinquantina tra tecnici del Soccorso Alpino delle stazioni di Finale, Savona e Ventimiglia, squadre dei vigili del fuoco, volontari della Protezione Civile di tutti i comuni limitrofi alla zona della scomparsa (Pietra Ligure, Toirano, Bardineto, Calizzano), uomini della Forestale, unità cinofile del Soccorso Alpino e dei vigili del fuoco e sette squadre della Croce Rossa.

Del caso si sta occupando anche il Dipartimento di Protezione civile e non si esclude, nelle prossime ore, un vertice in Prefettura per fare il punto della situazione e vedere come e dove proseguire le ricerche di Luca Salvatico.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.