Politica

Fior d’Albenga, dura replica della Giunta Comunale a Bessone

Albenga

Albenga. Non si placa la polemica intorno all’evento Fior d’Albenga. Dopo il botta e risposta tra Enrico Bessone, candidato Pdl alle prossime amministrative e l’assessore ai lavori pubblici Vincenzo Damonte, adesso è la Giunta Comunale a parlare per chiarire alcuni aspetti della manifestazione. “Sarà un’edizione memorabile, un evento che, insieme a CIP & VIP, lancerà la stagione turistica di Albenga in modo formidabile” si legge all’inizio della nota.

“Abbiamo deciso che dopo aver aperto Palazzo Oddo con la Mostra Magiche Trasparenze ‘del Piatto BLU’, la Torre Civica, inaugurato il Fortino e rilanciato i musei della Città di Albenga, era necessario offrire ai turisti ed ai nostri concittadini un’accoglienza straordinaria che allo stesso tempo dicesse al mondo quanto siano belli i fiori che gli agricoltori della Piana producono” spiegano da Palazzo Comunale.

“Solo nell’ultimo anno oltre 20 mila turisti hanno visitato i musei della città, ammirato il Piatto Blu e salito le scale della Torre Civica per guardare dall’alto un impareggiabile panorama: a costoro dovevamo offrire qualcosa di davvero speciale. In passato Floras ed i singoli produttori avevano offerto direttamente i loro meravigliosi prodotti; oggi è necessario fare un ulteriore salto di qualità unendo il prodotto di ieri con l’altissima professionalità di coloro i quali questo prodotto usano tutti i giorni” spiegano i componenti della Giunta.

“E’ per questo che abbiamo fatto un grande sforzo economico invitando tutti gli operatori e tutti i professionisti del settore, Floras compresa, a misurarsi su questo progetto entusiasmante. Quattro operatori del comprensorio si sono messi insieme per rispondere a questa sfida: alla ditta Garden Service di Michelini Giuliano di Borghetto, alla Agricoltura e Giardino snc di Rapa F. e Barbera G. di Villanova d’Albenga, al Giardino dell’Orchidea di Sandro Ferrando di Ceriale e ai Vivai Montina di Cisano sul Neva, diciamo sin d’ora grazie per aver partecipato, sicuri che il loro impegno sarà davvero eccezionale” aggiungono dalla Giunta.

“Abbiamo letto e compreso che Floras non ha potuto partecipare alla gara d’appalto sia perché non in possesso dei requisiti, sia per problemi economici, sia infine perché ha ritenuto di non entrare in concorrenza con ‘aziende specializzate’ del settore. Le polemiche innescate su altro appartengono evidentemente solo al fatto che tra le file di Floras vi sono candidati avversari all’attuale Amministrazione Tabbò. Siamo sicuri che Floras e i suoi associati non faranno mancare il sostegno ed i loro prodotti ad una manifestazione che tra gli obiettivi ha anche e soprattutto quello di promuovere il florovivaismo” si legge ancora nella nota.

“All’inesperto e rozzo candidato del centro destra Bessone, per il quale ci riserviamo di proporre appropriate risposte in sede giudiziaria, chiariamo: quando parliamo di florovivaismo pensiamo che esso appartenga a tutto il comprensorio e quindi non solo ai ristretti confini della nostra città; la nostra Amministrazione, a differenza di altre, non ha eguali per trasparenza e rigore e questo è dimostrato dai fatti e non dalle parole; quando si fa una gara d’appalto non si può decidere a priori chi ‘arriva primo’, ma il vincitore viene scelto sulla base di rigorosi criteri di legge; forse in questo è stato agevolato dal normale costume, non certo appartenente alla nostra parte politica, che vuole leggi per essere disapplicate” precisa la Giunta.

“Fortunatamente la città guarda altrove ed è per questo che le associazioni, i commercianti, le scuole, e in particolare coloro che come l’UCAI, l’Associazione Vecchia Albenga, l’Associazione TRa le Torri, il Parco delle Favole si son detti entusiasti di collaborare a questo progetto. Ci auguriamo che la sciocca polemica innescata strumentalmente per una manciata di voti non sia in grado di macchiare un evento così importante per l’economia turistica e commerciale della nostra città. Siamo sicuri che una volta ancora gli operatori ed i cittadini di Albenga sapranno scegliere da quale parte sta la ragione” concludono dal Comune.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.