IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Enpa: “Parco del Finalese, occasione sprecata dal compromesso tra politici e cacciatori”

Savona. L’Enpa savonese torna a parlare del Parco del Finalese e dell’opposizione dei cacciatori alla sua costituzione, opposizione, secondo gli animalisti, appoggiata ingiustamente dai politici.

“La caccia non è una iattura solo per gli animali ma anche per il turismo e l’economia locale – scrive Enpa in un comunicato – e la violenta opposizione al parco del Finalese dei cacciatori lo sta dimostrando. La Protezione Animali savonese ricorda che nei parchi regionali liguri si è raggiunto, tra i politici (quasi tutti amici dei cacciatori) ed i cacciatori, un compromesso che riduce ben poco l’attività venatoria.  Ma l’egoismo e l’incoscienza ambientale dei cacciatori finalesi non hanno limiti e, pur di non rinunciare neppure allo sparo di una sola cartuccia o non perdere una sola preda, si oppongono alla creazione del parco”.

“Le realtà locali – si legge ancora – saranno così costrette a rinunciare ai notevoli finanziamenti statali, regionali ed europei destinati ai parchi, che potrebbero costituire, come hanno ben capito gli albergatori, un volano potente per il rilancio del turismo e la creazione di posti di lavoro preziosi. Non occorre andare lontano per verificarlo; il parco delle Cinque Terre, pur nel rispetto dell’ambiente e, purtroppo, delle esigenze dei cacciatori, è noto in tutto il mondo e visitato da migliaia di turisti, che portano valuta pregiata ed alimentano tutta l’economia locale. Nel Finalese si trovano meraviglie non inferiori che, se valorizzate correttamente dal parco, diverrebbero una meta internazionale: le numerose grotte, i diversi siti archeo-logici (la strada ed  i ponti romani, Campu Riundu, il Ciappo delle Conche, etc.), percorsi pedonali indimenticabili nella macchia mediterranea ed una fauna spesso unica che, se non perseguitata, comincerebbe a lasciarsi osservare. E invece i cacciatori e qualche miope o strumentalizzato proprietario terriero (quanti ettari possiedono i contestatori?) bloccano tutto da 30 anni, tra l’altro diffondendo false informazioni, che dovrebbero essere perseguite penalmente, come quella secondo cui nei parchi “è vietata la raccolta delle ca-stagne e di ogni altro vegetale”. Vergogna”!

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da testun

    perche’ chi urla di proteggere la natura non e’ in grado di viverci!!! Tutti bravi ad urlare miope o strumentalizzato propietario terriero,pero’ chi adora: lupi,orsi,ecc.(non ha la possibilita’ di lasciare libero e sereno di giocare un proprio figlio o di lasciare pascolare un animale domestico, dove questi poveri animali vivono,cacciano)???? Oppure chi vive e trae anche un pur minimo sostentamento con molti e molti sacrifici e fatica viene disprezzato da chi non ne sa’ nulla del vivere giornaliero di quel luogo…………

  2. Scritto da harlock

    Ma scusate per andare a visitare le grotte o i siti archeologici bisogna per forza istituire un Parco??? Ma poi si intende istituire un Parco come si deve o una farsa?? i veri Parchi tipo Hortobagy o Guadalquivir possono essere visitati solo in parte e accompagnati , sono vietate escursioni individuali,raccogliere qualsiasi cosa,ecc….tutto vietato !!!! Così si preserva la natura davvero e si lasciano gli animali in pace!!