Sport

Basket, Cestistica Savonese: la salvezza è matematica

20100307cestisticavscarugate-9

Savona. La permanenza in serie B d’Eccellenza è cosa fatta. La Cestistica ha travolto il Carugate e, oltre alla tranquillità che da tempo le offriva la classifica, ha dalla sua anche l’aritmetica.

Pollari parte col solito quintetto (Mugliarisi, La Sacra, Scrignar, Napoli e Grillo) e propone in campo sin dal primo quarto una zona “adattata”, studiata in settimana, che mette subito in seria difficoltà le ospiti. Le lombarde appaiono sin dai primi minuti di gioco impacciate e senza idee offensive. Parecchie le palle perse del Carugate scaturiscono in altrettanti contropiedi da parte delle savonesi. A 2’ dalla fine del quarto Pollari manda in campo Vercellotti al posto di Grillo e questa va subito a segno. Il primo quarto si chiude sul 21 a 9 per le padrone di casa che sembrano decise a mettere la parola fine sul discorso salvezza.

La seconda frazione si riapre con le savonesi sempre attente in difesa e con una Scrignar lanciata a canestro in contropiede dai precisi assist di Mugliarisi. A metà quarto rientra Grillo per Vercellotti e subito dopo Longo per La Sacra. Le lombarde non riescono a reagire sotto i colpi delle biancoverdi ed il divario si dilata sino al 40 a 17, quando le squadre vanno all’intervallo lungo.

L’inizio della seconda metà di gioco appare subito piuttosto convulso. Si infortuna prima una giocatrice ospite (distorsione ad una caviglia) e ad un paio di minuti dall’inizio del quarto la capitana Napoli, su rimbalzo, subisce una brutta botta al viso (lussazione dell’incisivo superiore sinistro) ed è costretta ad uscire. Pollari manda in campo al suo posto Longo e la partita sembra scivolare via senza troppi patemi con le avversarie che sembrano non voler neppure provare la rimonta. Il quarto si chiude sul 40 a 17 per le ragazze della presidentessa Oggero.

L’ultimo periodo di gioco è ancora tutto di marca biancoverde. Pollari dà spazio a Danese che prende il posto di La Sacra, rientra Vercellotti e quindi entra anche Maggiolo al posto di Scrignar (per lei saranno 28 i punti realizzati). Le savonesi continuano a trovare la via del canestro mentre le ospiti sembrano aver smarrito ogni possibile velleità di accorciare le distanze. Sulla sirena un tiro pesante permette al Carugate di arrivare al magro bottino di 31 punti realizzati mentre le savonesi cominciano i festeggiamenti per il raggiungimento matematico della salvezza.

A tre giornate dal termine le ragazze di Pollari possono così mettere fine alle loro preoccupazioni e concedersi 120 minuti di gioco libero da ogni patema e con la possibilità di impiegare maggiormente le giocatrici meno utilizzate in tutto il campionato.

Sabato la Cestistica va a Varese, contro la presunta candidata alla retrocessione, e le savonesi, anche se oramai salve, non vorranno sicuramente mollare i due punti alle avversarie ma andranno per portare a casa un altro successo al fine di dimostrare che, in fondo, questi playout stanno un po’ stretti.

La Gelfresco Cestistica ha giocato con Scrignar 28, La Sacra 10, Mugliarisi 8, Longo 7, Napoli 5, Vercellotti 2, Grillo 2, Danese, Maggiolo.

I risultati del 7° turno:
Gelfresco Cestistica Savonese – Basket Carugate 62 – 31
Petra Varese – Vicenza 47 – 69
Doctor Point Novara – Fanfulla 2000 Lodi 56 – 50

La classifica a 3 giornate dalla fine:
1° Vicenza 10
1° Doctor Point Novara 10
3° Basket Carugate 8
3° Gelfresco Cestistica Savonese 8
5° Fanfulla 2000 Lodi 6
6° Petra Varese 0

Clicca qui per vedere la fotogallery dell’incontro giocato a Savona.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.