Albissola Marina, la movida si ferma alle 2: ordinanza del Comune - IVG.it

Albissola Marina, la movida si ferma alle 2: ordinanza del Comune

Albisola superiore - centro storico chiuso ai pedoni

Albissola M. Stop alle 2 alla movida. E’ quanto deciso dall’amministrazione comunale di Albissola Marina che, con una apposita ordinanza sui locali, a partire dal primo aprile anticipa di un’ora la chiusura dei bar (che era alle 3) e di due ore quella delle discoteche (che era alle 4 di notte).

“L’eventuale proroga dell’attività fino alle due rispetto alla mezzanotte è stata decisa in attesa di dare corso ad un più ampio protocollo d’intesa tra tutti gli operatori – chiarisce il sindaco Nicolò Vicenzi -. Da molto tempo l’animata vita notturna nel centro paese crea non pochi problemi e tensioni alla nostra comunità per il rumore, l’ordine pubblico, i parcheggi, i numerosi e frequenti atti vandalici. Nel ruolo che ci compete di tutela di tutti i cittadini e nel rispetto delle diverse esigenze, abbiamo ritenuto opportuno ridurre di due ore la precedente proroga”.

Oltre al nuovo orario, l’amministrazione comunale ha in corso un tavolo permanente sulla sicurezza, già sperimentato la scorsa estate, al quale partecipano maggioranza, minoranza, forze dell’ordine, titolari di esercizi pubblici e Comitato della Concordia. L’Osservatorio ha il compito d’individuare le migliori soluzioni per conciliare vita notturna e tranquillità dei residenti, oltre alla valutazione, caso per caso, di regole transitorie e proroghe di orari in occasione di eventi, manifestazioni, particolari festività.

“Il monitoraggio fin qui effettuato ci ha dimostrato che cittadini e turisti desiderano, indistint-mente, più quiete nelle ore notturne. Preso atto di questa esigenza – conclude il sindaco – oltre a rivedere gli orari di chiusura di bar e locali, riducendo di conseguenza il protrarsi sino a tarda ora degli inevitabili schiamazzi, sarà nostra premura rivedere i Piani di risanamento acustico e del rumore”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.