Tovo San Giacomo: il “contro-festival” di Bardino Nuovo

Tovo S. Giacomo - Comune

Tovo San Giacomo. In contemporanea con il festival della canzone italiana di Sanremo, il Comune di Tovo San Giacomo in collaborazione con il “Mulino Degli Artisti” presenta la terza edizione del “contro” festival: “…perchè Bardino è Bardino”.

“Decisamente delusi dalle proposte sanremesi tra attori, parcheggiatori, modelle, principi, cartoni animati, finti sacerdoti… e chi più ne ha più ne metta, pur continuando noi tutti a pagare il canone Rai vogliamo, in due serate, dare risalto a una realtà musicale ben diversa da quella che ci propongono normalmente le televisioni e le radio”, dichiara il direttore artistico Silvano Rosso.

Otto gruppi non professionisti, con brani originali, presentati da Marco Mazzucchelli affiancato dalle vallette “carciofine”, si esibiranno rigorosamente dal vivo, giovedì 18 e venerdì 19 febbraio, a partire dalle ore 21,00, presso la sede dell’associazione in Bardino Nuovo, adiacente al Museo dell’Orologio da Torre “G.B. Bergallo”.

Il pubblico presente munito di apposita scheda, sarà chiamato a  votare “seduta stante” il vincitore che al termine delle serate riceverà il trofeo Don Chisciotte al Mulino, scultura in materiale riciclato realizzata dallo scultore esocentrista Snapino Snaporazzi. Sono ammessi a questa edizione, per la serata di giovedì: Corvi Bianchi, GoodFood, 465, Il Ponte di Zan; per la serata di venerdì: Hand Rolling Tobacco, Without, Fusi Orari e Les Trois Tetons. Gli Stone Fly vincitori della passata edizione, costituiscono una “giuria di qualità” assegnando uno speciale riconoscimento.

“Chi sceglie di partecipare al nostro festival” aggiunge Silvano, “ha già vinto la sua battaglia contro quel mondo fatto di persone che per torpore o per cattiva abitudine, non apre lo sguardo verso nuove proposte. Troppo spesso questi tentativi di emergere, semplici sperimentazioni o progetti impegnati in cui i giovani e non solo, investono tempo, materiali e aspettative, sono tacciati di “disordine, caos, rumore”. Non siamo presi abbastanza sul serio come fanno invece in altre regioni d’Italia o meglio in altri paesi europei. Molti grandi artisti hanno dovuto lottare per affermarsi e ce l’hanno fatta ma molti altri sono scomparsi nell’oblio più totale per mancanza di mezzi”.

“Non parliamo invece di chi si accaparra una posizione grazie solo ad un grosso investimento economico trasformando un prodotto artistico in una misera manovra commerciale e ne “sentiamo” i risultati. Forse nessuno di noi arriverà mai al successo ma ci concediamo almeno un piccolo momento di gloria”. Il presidente del Mulino Degli Artisti, Roberto Nucifora: “Abbiamo cercato di migliorare le condizioni del locale, soprattutto dal punto di vista dell’acustica per garantire un maggiore confort al pubblico e minori disagi a chi suona, già provato dalle ridotte dimensioni del palco e dai problemi tecnici che derivano dai cambi frequenti. Questa è la prima edizione patrocinata dal Comune di Tovo San Giacomo che vogliamo ringraziare pubblicamente per la fiducia accordata e il bel gesto che possiamo definire coraggioso proprio per i motivi che il direttore Silvano citava con un filo di ironia. Ringrazio anche Radio Onda Ligure che ci ha tenuti in buona considerazione e R.I.P. Radio In Podcast, webradio che sarà presente nel back-stage per intervistare a caldo i partecipanti. Insomma, il piccolo mondo del festival di Bardino si anima e arricchisce ogni anno di particolari che lo impreziosiscono e di cui siamo molto orgogliosi”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.