Alassio, facevano shopping con carte di credito "sospette": denunciati 4 giovani - IVG.it
Cronaca

Alassio, facevano shopping con carte di credito “sospette”: denunciati 4 giovani

Polizia

Alassio. Gli uomini del Commissariato di Polizia di Alassio hanno identificato e poi denunciato quattro persone (M.B. SM. nato a Marsiglia 1980, B.A. nato a Marsiglia, dell”84, W.B. nato sempre a Marsiglia e MDV.W. di Lisbona, classe 1984) per indebito utilizzo della carta di credito negli esercizi commerciali del budello di Alassio.

I quattro ad oggi sono indagati, in stato di libertà, in attesa di ulteriori accertamenti. Tutta la merce acquistata con utilizzo di carta di credito, sentita l’autorità giudiziaria, è stata sequestrata.
L’operazione è stata condotta dalla Polizia di Stato e dal personale del commissariato di Pubblica Sicurezza di Alassio, in una collaborazione con i commercianti della città resa più consolidata dopo l’incremento dei servizi a tutela delle attività commerciali voluto recentemente dal Questore di Savona, Vittorino Grillo.

In particolare, i quattro giovani malviventi avevano pensato bene di comprare merce con carta di credito in più esercizi commerciali. Nel primo negozio, l’acquisto per un valore di circa 1000 euro aveva suscitato sospetti nel commerciante che prontamente ha avvisato una pattuglia in ricognizione nel budello alassino. A questo punto, i quattro malviventi sono stati pedinati e, dopo un secondo acquisto di merce per il valore di 6000 euro, sono stati controllati. Al termine delle prime operazioni di controllo sono state sequestrate tre carte di credito, per accertarne la provenienza illecita. Si tratta di carte di credito legate a banche straniere, per le quali le verifiche non possono essere effettuate in tempo reale. Ad oggi sono in corso le indagini e i necessari accertamenti diretti sul territorio francese per acquisire eventuali precedenti penali a carico degli indagati.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.