Politica

Millesimo, videopoker…niente sussidi: la proposta del consigliere Garofano

francesco garofano

Millesimo. Mozione proposta dal gruppo consiliare di opposizione “Per Millesimo” sulle slot machine e macchinette elettroniche da gioco installate in bar ed esercizi del territorio comunale. La mozione, che la minoranza vuole inserire all’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale, prevede che chi beneficia di sussidi comunali non possa più fruire di questi sistemi da gioco, in particolare i videopoker. Per farlo, serve una modifica in merito al regolamento dei servizi sociali in materia di benefici assistenziali.

“Ovviamente ognuno è libero di usare i propri soldi come meglio crede, ma non è accettabile che chi percepisce sussidi da un ente pubblico, come il Comune possa utilizzarli per tentare la fortuna – afferma il consigliere comunale, firmatario della mozione, Francesco Garofano (nella foto) -. Questa mozione vuole essere una misura preventiva con un effetto deterrente per evitare che accadano cose di questo tipo, in quanto il sussidio ha una funzione sociale che è quella di aiutare le persone indigenti ad affrontare spese inderogabili, come fare la spesa per mangiare e pagare l’affitto di casa, fondamentalmente altri utilizzi non sono consentiti”.

“Chi prende il sussidio e si permette di gettare i soldi nei videopoker significa che non ne ha bisogno per le affrontare spese veramente necessarie, per questo sostengo che a queste persone il sussidio debba essere immediatamente revocato ed assegnato a chi ne ha bisogno davvero. Inoltre i sussidi sociali ovviamente derivano da soldi pubblici, quindi soldi di tutta la comunità che legittimamente esige che vengano distribuiti correttamente ai meno fortunati e di certo che non vengano sprecati nei videopoker.E’ una questione di responsabilità da parte di chi percepisce i sussidi a da parte di chi li eroga. Credo nella assoluta ragionevolezza di questa proposta, dettata dal buonsenso”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.