Economia

Imprese balneari: prime rassicurazioni dal Governo

Spiaggia balneazione bagnanti

[image:3493:r]Savona. Le prime rassicuranti risposte dal Governo sono arrivate, tuttavia gli oltre 5.000 imprenditori degli stabilimenti balneari in assemblea oggi a Roma, oltre alle buone intenzioni vogliono fatti concreti, a cominciare dal vulnus delle richieste avanzate dalla categoria: le concessioni demaniali. Foltissima la rappresentanza di sindaci e amministratori locali del Savonese: in testa l’attuale presidente nazionale del SIB, e sindaco di Bergeggi, Riccardo Borgo, ed i vertici della Provincia.

“Il Governo italiano si è impegnato formalmente con la FIBA Federazione Imprese Balneari – Confesercenti e con il SIB Sindacato Italiano Balneari, Confcommercio a garantire il massimo impegno per la risoluzione delle problematiche in atto – ha detto l’Assessore Pietro Santi da Roma al termine dell’incontro in cui rappresentava la Provincia di Savona -. Nella fattispecie – ha proseguito l’assessore – il Governo si è impegnato non solo a concedere una proroga di 5 anni alla messa all’asta delle concessioni demaniali, ma anche a trasferire le competenze demaniali stesse dal Governo alle Regioni. Questi due impegni dovrebbero essere sufficienti a scongiurare il rischio che, in occasione della prossima stagione turistica, molti litorali italiani siano deserti, senza alcun tipo di servizio e di assistenza, senza la sicurezza dei bagnini di salvataggio, senza pulizia”.

“Se non ci fossero state le rassicurazioni odierne – ha affermato il presidente della Provincia, Angelo Vaccarezza – l’infrazione comunitaria che modifica la durata delle concessioni demaniali marittime avrebbe cancellato la peculiarità dell’offerta turistica balneare italiana, mettendo in serio pericolo 28.000 imprese ed oltre 400.000 posti di lavoro, l’integrità ambientale delle coste ma, soprattutto, la stessa immagine turistica dell’Italia. Per una Regione come la Liguria che deve al mare e alla sua ricettività turistica gran parte del sostentamento della sua economia, le garanzie date dal Governo rappresentano una sicurezza economico-occupazionale di fondamentale importanza. In ogni caso – ha proseguito il Presidente – la Provincia di Savona intende seguire passo passo e con estrema attenzione lo sviluppo della questione, supportando attivamente le imprese balneari savonesi, anche attraverso il supporto dei propri rappresentanti che siedono in Parlamento ed al Governo”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.