Economia

Trasferimento Piaggio, domani la firma con il demanio

Finale Ligure - Piaggio

[thumb:2844:l]Villanova d’Albenga. Domani a Genova ci sarà finalmente la firma per la concessione cinquantennale delle aree del demanio sulle quali verrà realizzato il nuovo stabilimento della Piaggio. E’ quanto è emerso stamattina al termine di un importantissimo incontro tra Carlo Ruggeri, Renzo Guccinelli, l’azienda, la Provincia, il Comune di Finale, il Comune di Villanova d’Albenga e i sindacati. La firma con il demanio era l’ultimo step che mancava per la realizzazione del nuovo stabilimento della Piaggio che si sposterà quindi da Finale. L’incontro era stato richiesto proprio dalla Regione per fare il punto della situazione sullo stato dei lavori.

Secondo quanto trapelato da fonti aziendali i sindacati non sarebbero rimasti però molto soddisfatti visto che l’azienda dovrà pagare gli oneri di imposta di registrazione dell’atto che ammontano a 2,6 milioni di euro. Con la firma del contratto d’affitto delle aree di Villanova d’Albenga verranno date in concessione per 50 anni alla Piaggio le aree demaniali. Ciò dovrebbe portare all’inizio dei lavori di sbancamento per il nuovo stabilimento che in realtà sarebbero dovuti inziare già nel mese di ottobre scorso. L’assessore Ruggeri ha quindi chiesto a Piaggio un segno concreto che dia il via all’inizio dei lavori. In risposta l’amministratore delegato dell’azienda, Alberto Galassi, ha assicurato che molto probabilmente entro la fine dell’anno i lavori inizieranno.

“Credo che l’incontro di oggi abbia confermato che il fulcro dell’operazione è il rilancio della Piaggio non solo per ottenere un consolidamento di quelle che sono le attuali posizioni ma piuttosto per arrivare ad un probabile aumento della produzione e quindi dell’occupazione” ha aggiunto Ruggeri. L’assessore regionale è anche entrato nel merito della riqualificazione delle aree attualmente occupate dallo stabilimento di Finale: “Ci tengo a sottolineare che questa importante opera di riqualificazione, che prevede un cambio di destinazione d’uso delle aree da industriale a residenziale-turistico, partirà solo dopo il primo giorno di lavoro del nuovo stabilimento. Nessun metro cubo di cemento sarà quindi posato prima che la Piaggio diventi attiva a Villanova”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.