Politica

Aumento della Tarsu nel Savonese: interrogazione del Pdl in Regione

Discarica Boscaccio, Vado Ligure

[thumb:13037:l]Savona. EcoSavona, la società di gestione della discarica del Boscaccio di Vado Ligure, ha preannunciato ai sindaci della provincia savonese un aumento del costo per lo smaltimento dei rifiuti e il consigliere regionale del Pdl Graziano Falciani ha presentato un’interrogazione in proposito.

“La maggiorazione che ammonta al 12-13 per cento, andrà inevitabilmente a incidere sulla Tarsu. Chiedo alla Giunta di intervenire per evitare ricadute negative sui cittadini, anche con lo stanziamento di risorse aggiuntive, come fatto in altri siti” ha detto Falciani che ha chiesto inoltre il rispetto e la continuità dei contratti esistenti.

“L’obbligo di maggiorazione – ha risposto l’assessore all’ambiente Zunino – è stato prorogato varie volte, ed è entrato in vigore da luglio. A fronte della richiesta di proroga del regime transitorio, sostenuta dalla Regione, il ministero ha ritenuto non sussistenti le condizioni. Raggiungere il 45% della raccolta differenziata e i 173 kg di rifiuti biodegradabili ad abitante erano gli obiettivi 2008, ma non tutti i comuni li hanno raggiunti. È comunque in fase di definizione un programma di supporto: abbiamo messo a disposizione delle quattro province 5 milioni di euro dei Fas per evitare che i costi ricadano sui Comuni. Un ulteriore supporto, poi, arriva da una delibera regionale che dà fondi ai Comuni che hanno fatto progressi nella raccolta differenziata; si tratta di 520 mila euro e per il savonese riguarda 16 Comuni”.

“Faccio notare che se a tempo debito si fosse fatta una scelta più adeguata per la discarica, come la costruzione di un termovalorizzatore, ad esempio, si sarebbe potuto evitare questo aggravio. Nei piccoli Comuni questi costi incidono moltissimo sul bilancio” ha replicato Falciani.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.