Savona, il vicesindaco Caviglia rivela aneddoti sulle “fette”

Fette panissa

[thumb:15137:l]Savona. Il vicesindaco Paolo Caviglia, che ha sempre tenuto in considerazione i valori della cultura locale, che comprendono anche una tradizione antichissima nel campo dei prodotti enogastronomici, è intervenuto per parlare delle celebri “fette” e “fugassette”. “Nel 1996, e nei 2 anni successivi, la Provincia di Savona organizzò la partecipazione al Giro d’Italia a Vela e vinse con un equipaggio ligure sull’imbarcazione Provincia di Savona Riviera delle Palme” ha spiegato Caviglia che ha proseguito: “L’evento fu importante non solo per la vittoria in una delle regate più difficili e lunghe toccando porti di tutta la penisola ma anche per due motivi, che sono rimasti nel ricordo di tutti i team: l’accompagnamento con uno stand enogastronomico di prodotti locali che divenne il punto d’incontro serale di tutti gli equipaggi e degli addetti ai servizi (con tanti velisti stranieri) e la riapertura del conflitto con San Benedetto del Tronto sulla titolarità del marchio ‘Riviera delle Palme'”.

“Quando organizzammo l’evento ideai lo stand, con spese modestissime per la fornitura gratuita di prodotti tipici locali, e tra le somministrazioni venne promossa proprio la ‘fetta’. Mi preoccupai anche di trovare un’antica scheda sulla ‘panissa’ con le proprietà del cece e con la ricetta delle ‘fette’.Ebbe un grande successo, tanto che per ogni tappa del Giro fummo obbligati a spedire grandi pani in contenitori frigorifero per soddisfare la richiesta” ha raccontato ancora Caviglia che ha concluso osservando: “Fu una bella avventura e in tante località portuali dell’Italia prima della vittoria, delle frittelle di baccalà, delle trenette al pesto, dei nostri vini e olii son certo che ricorderanno le nostre ‘fette’ e, forse, ci sarà qualcuno che ne utilizza la ricetta”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.