Provincia, vicenda ATO: l'intervento di Marco Ravera (Prc) - IVG.it
Politica

Provincia, vicenda ATO: l’intervento di Marco Ravera (Prc)

acquedotto

[thumb:712:l]Savona. Il segretario provinciale di Rifondazione Comunista, Marco Ravera, interviene sulla bagarre in corsa per l’approvazione dell’ATO in Provincia, che oltre a ripudiare qualsiasi tentativo di privatizzazione di un bene pubblico come l’acqua, ricorda la genesi del problema di cui si sta tanto dibattendo tra i comuni del Savonese.

“Si parla di ATO invece di parlare del decreto Ronchi, dei suoi contenuti, delle sue ricadute e delle sue conseguenze sulle comunità locali. Tutti tacciono però sulle origini di questa situazione. Nessuno dice il vero percorso di questa vicenda che inizia nel 2002 con la direttiva Bolkestein e il decreto Lanzillotta – sottolinea il segretario del Prc -. Normative che sono state poi bloccate durante il governo Prodi per merito del movimento e per un intervento di Rifondazione Comunista che in allora poteva ancora contare su una rappresentanza istituzionale europea e responsabilità di maggioranza nel governo Prodi. Oggi lo scenario politico è profondamente mutato e il decreto Ronchi sul quale il governo Berlusconi, per voce di Elio Vito, ha posto l’ennesima questione di fiducia, ha sancito definitivamente la privatizzazione dei servizi pubblici locali, ad iniziare proprio dall’acqua”.

L’articolo 15 infatti prevede che la gestione dei servizi pubblici locali sarà conferita “in via ordinaria” attraverso gare pubbliche e la gestione “in proprio” sarà consentita soltanto in deroga e “per situazioni eccezionali”, con il decadimento degli affidamenti alle Spa o a società miste pubblico-privato, escludendo di fatto nella gestione, o almeno nel controllo del servizio, la parte pubblica: “La vera difesa del bene pubblico acqua rimane ora esclusivamente nelle mani dei movimenti sociali, dei cittadini, delle forze di opposizione espulse dal parlamento italiano e di tutte le porsone che ritengono ancora che l’acqua sia un bene universale”, conclude Ravera.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.