"L'Isola che c'è": la casa rifugio a sostegno di donne e minori - IVG.it

“L’Isola che c’è”: la casa rifugio a sostegno di donne e minori

Violenza donne

[thumb:2937:l]Savona. 15 segnalazioni nel 2008, 19 percorsi di reinserimento sociale portati a termine, tra cui 10 donne e nove minori. Sono alcuni dei dati relativi al 2008 della casa rifugio “L’Isola che c’è”, una struttura di accoglienza e supporto per donne e minori vittime di violenza fisica o morale. E’ stata la coordinatrice del progetto sociale, Stefania Ferrari, a presentare l’attività del centro. “Molti interventi e azioni di recupero vengono effettuati con accoglienza in regime di emergenza – spiega -, il che significa che nella nostra Provincia, ma non solo, il problema è reale, e serve sempre di più il supporto di strutture specializzate, che forniscono assistenza materiale, psicologica e anche legale, con l’ausilio di educatori professionali”.

“I dati statistici sono certamente significativi, senza contare che spesso è molto difficile intercettate vittime di abusi o violenze, il nostro è un utente molto fragile, molto sensibile – prosegue la Ferrari -. Ci sono situazioni di grave difficoltà, spesso predomina la vergogna nel raccontare e denunciare una violenza subita”.

L’Isola che c’è lavora in stretta collaborazione con il Centro Antiviolenze della Provincia di Savona e con l’associazione Telefono Donna. Il tempo massimo di permanenza nella struttura è di circa sei mesi. La casa rifiugio è dotata di 10 posti letto per adulti, di cui due di pronta accoglienza. Tra i progetti futuri la realizzazione di una struttura di secondo livello, per fornire un’assistenza più duratura ed efficace.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.