Inchiesta sui fondi europei, le dichiarazioni dell'assessore regionale Cassini - IVG.it
Politica

Inchiesta sui fondi europei, le dichiarazioni dell’assessore regionale Cassini

Giancarlo Cassini

[thumb:11847:l]Regione. “Ieri mattina ho trovato gli agenti della polizia giudiziaria incaricati di eseguire una perquisizione nel mio ufficio in riferimento al procedimento penale aperto in materia di turbative di gare volte all’assegnazione di fondi europei di pertinenza del fondo sociale europeo e del fondo di sviluppo regionale” dichiara l’assessore regionale Giancarlo Cassini in merito all’inchiesta emersa ieri.

“In merito all’assegnazione dei fondi europei Fondo sociale europeo (Fse) e del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) – prosegue – ricordo che il mio assessorato è competente per il Fondo europeo della pesca (Fep) e il Fondo europeo agricolo di sviluppo rurale (Feasr) che non sono oggetto dell’indagine”.

“Inoltre – spiega Cassini – per quanto riguarda i due fondi interessati dall’indagine voglio precisare come né il sottoscritto né gli uffici del mio assessorato hanno avuto un qualsiasi ruolo nella formazione dei bandi, nella valutazione delle domande, nell’approvazione delle graduatorie e nella predisposizione delle delibere di approvazione delle graduatorie stesse”.

“Preciso inoltre che le norme comunitarie vietano espressamente che attraverso il Fse e il Fers siano finanziati progetti agricoli. È per queste ragioni – conclude – che non ho compreso il motivo del mio coinvolgimento nell’indagine. Sono comunque sereno e tranquillo. Mi auguro pertanto che l’inchiesta conduca al più presto a un positivo chiarimento della vicenda”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.