IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Tirreno Power: petizione del Pd contro l’ampliamento

[thumb:303:l]Savona. Domenica 25 ottobre, il giorno delle Primarie, il Pd organizza una petizione popolare contro l’ampliamento a carbone della centrale di Vado-Quiliano e per una politica di sviluppo sostenibile. “Dopo l’ordine del giorno presentato nelle scorse settimane in Provincia dal Gruppo consiliare del Pd – spiegano il segretario provinciale Giovanni Lunardon e il capogruppo provinciale Marco Russo – in cui si dichiarava la nostra contrarietà all’ampliamento della centrale Tirreno Power di Vado-Quiliano, il Partito democratico provinciale insieme con il gruppo provinciale del Pd hanno deciso di promuovere, con l’aiuto ed il sostegno di tutti i circoli della provincia, una petizione contro il nuovo gruppo a carbone della centrale e per un modello di sviluppo sostenibile, petizione che avrà inizio nella data per noi dall’alto valore simbolico di domenica 25 ottobre, il giorno delle primarie, quando gli elettori del Partito democratico voteranno per scegliere il segretario nazionale e quello regionale”.

“La petizione – spiegano gli esponenti del Pd – è rivolta a tutti quelli che condividono questa battaglia: si potrà firmare parallelamente allo svolgimento delle operazioni di voto delle primarie in tutti i 48 seggi allestiti con il concorso dei circoli sul territorio provinciale, in una fascia oraria compresa di norma tra le sette del mattino e le venti della sera. Proseguirà per iniziativa dei circoli con raccolte pubbliche nei mercati e nelle piazze della provincia e si concluderà alla fine del mese di novembre. Sarà questa l’occasione per sensibilizzare i cittadini su questo importante tema e sarà anche l’inizio di una serie di iniziative di approfondimento, di confronto e di mobilitazione che verranno organizzate su tutto il territorio provinciale”.

“Sul tema del clima e del riscaldamento del pianeta – proseguono – si gioca una partita fondamentale per la vita e la sopravvivenza del nostro ambiente in tutto il mondo. Non pretendiamo a Savona di essere l’avanguardia della green economy, ma non vorremmo neppure essere il fanalino di coda del pianeta nel momento in cui anche i grandi della Terra, Cina e Stati Uniti, decidono di impegnarsi seriamente nell’abbattere le emissioni di CO2”.

“E invece la Provincia – attaccano Lunardon e Russo – è riuscita per la prima volta nella storia recente a rompere il fronte dei Comuni e ad aprire al buio una trattativa che non può che portare a soluzioni di retroguardia e negative per l’ambiente. Conduciamo questa battaglia con ancora maggior convinzione dopo aver letto il testo del Decreto del Ministero dell’Ambiente sulla VIA che, se possibile, è ancora peggiore del progetto presentato da Tirreno Power”.

“Il Decreto infatti – spiegano – non solo non tiene in alcun conto i pareri negativi della Regione e di moltissimi enti locali savonesi, ma presenta contenuti ancor più penalizzanti per il nostro comprensorio. Non c’è nessun riferimento, né alcuna prescrizione relativamente agli interventi sui gruppi a carbone vecchi, maggiormente inquinanti e su cui Tirreno Power aveva annunciato nel progetto interventi migliorativi. Il Decreto dunque non pone nuovi limiti per quei gruppi e questo vuol dire con chiarezza che le emissioni con l’aggiunta del nuovo gruppo saranno sicuramente maggiori rispetto alla situazione attuale, mentre la comunità locale sarà costretta a tenersi impianti sorpassati, inefficienti e molto più inquinanti di quanto consentirebbero le tecnologie attuali, accanto al nuovo gruppo a carbone”.

“Il presidente Vaccarezza, questa estate, aveva detto di voler leggere le carte prima di prendere una posizione sul progetto. Avrebbe dovuto farlo prima di decidere di aprire una trattativa su basi sbagliate: se avesse letto il testo del Decreto di approvazione della VIA, si sarebbe accorto che un atto debole, non motivato e sbagliato nei presupposti e nei contenuti spiana la strada al progetto e toglie alla comunità locale ogni spazio per affermare una più che giusta battaglia per il diritto alla qualità dell’ambiente e alla salute. Rinnoviamo a Vaccarezza e alla sua Giunta – concludono gli esponenti provinciali del Pd – l’invito a non rompere il fronte degli enti locali e, anche a fronte del Decreto di VIA, a unirsi al ricorso contro tale Decreto su cui stanno lavorando da tempo Regione e Comuni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Leofinalese

    su questo problema non ho ancora capito bene la posizione del Sindacato…..qualcuno me la può spiegare?Grazie

  2. Scritto da Aurelio Bianchi

    Mi chiedo come si può dire no alla Tirreno Power e ignorare quello che si ha in casa!
    Non è contraddittorio?

  3. Scritto da Aurelio Bianchi

    Caro AA,
    come saprai, l’assessore all’ambiente non gode della simpatia dei DS, e in particolare del sindaco, per il quale è un’ostacolo alla sua ‘libertà d’azione’.
    L’amministrazione potrebbe fare molto, ma dovrebbe assumere posizioni chiare e coraggiose, in difesa dei lavoratori e della salute dei cittadini.
    Come NON ha fatto per la discarica, e per Ferrania.
    Se il risultato di metà mandato è un distributore di latte fresco e quattro biciclette inutilizzate, mi pare che sarebbe ora di svegliarsi.
    Cosa mi dici sui controlli dell’aria della cokeria? Funivie?
    Degrado sociale ed economico?
    Risolviamo tutto con “Evviva la capra”?

  4. Scritto da antonio gianetto

    Non fatevi strumentalizzare! Ma cercate di dare un sostegno economico, a chi, da anni, sta lottando contro l’ ampliamento della centrale. Primi, tra tutti, ” UNITI PER LA SALUTE ” che hanno fatto il ricorso al Tar, anticipando le Nostre amministrazioni. Per questo dovranno sostenere delle spese, ci stanno mettendo di tasca Loro. Ieri, per la prima volta, hanno chiesto anche il Nostro aiuto, hanno bisogno di soldi per mandare avanti la pratica. Non è giusto che, chi sta lottando per la Nostra salute, debba pagare di tasca Sua: http://unitiperlasalute.blogspot.com/2009/10/20091010-teatro-chiabrera-di-savona.html
    Ieri sera il teatro Chiabrera era pieno, di persone educate, che per 3 ore sono state ad ascoltare col massimo interesse. Mi auguro che tra questi ci sia stato qualcuno della Provincia; per imparare a capire e rendersi, seriamente conto, di quello che ci sta cadendo addosso.

  5. Scritto da AA

    No di certo, ma il Comune che può fare? Nel comitato anticentrale c’è l’assessore all’ambiente che non ha nessuna intenzione di concedere nulla a Ferrania, il sindaco ha esplicitamente detto che non vuole un inceneritore. Detto questo, se c’è un via regionale positivo l’azienda ricorrerà al Tar per l’autorizzazione a costruire e saremo tutti fritti, l’Amministrazione può far poco.

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.