Calcio, Prima Categoria: il Pietra si aggiudica l'anticipo con il Bragno - IVG.it
Sport

Calcio, Prima Categoria: il Pietra si aggiudica l’anticipo con il Bragno

Sport - 2008/09

[thumb:14620:l]Pietra Ligure. L’anticipo del 4° turno del girone A di Prima Categoria è terminato con la vittoria di misura del Pietra Ligure ai danni del Bragno. La partita, nonostante siano state segnate ben 5 reti, non è stata particolarmente vivace e per lunghi tratti è stata giocata a ritmo ridotto. I locali l’hanno spuntata grazie alla maggiore abilità nello sfruttare le poche occasioni avute.

Nei primi dieci minuti il Bragno, privo dello squalificato Riccardo Quintavalle, seduto in tribuna, tiene in mano il pallino del gioco. I biancoverdi spingono in particolare sulla fascia sinistra, con Mara e Di Maggio. Non creano però azioni da rete degne di questo nome. Si segnala solamente un cross rasoterra di Di Maggio sventato dalla difesa pietrese prima che il pallone giungesse al ben appostato Giannone.

Al 13° il Pietra si fa avanti per la prima volta e Patitucci, con un tiro a scendere dalla grande distanza, per poco non sorprende Quintavalle, chiamato ad un non facile intervento. Le squadre si studiano e non affondano i colpi. Al 23° Laurenza sulla destra si libera di Sparzo che termina a terra: i locali protestano ma Astini lascia proseguire, il numero 7 però ha troppa fretta e calcia a lato.

Cantatore commette fallo sulla trequarti e viene ammonito per proteste. Sugli sviluppi della conseguente punizione nasce un’azione sulla fascia sinistra, dalla quale Sparzo riesce a mettere in area un perfetto rasoterra per Riva che con il sinistro svirgola il pallone. Al 30° Bragno in vantaggio: Chiarlone prova il tiro da fuori area, un difensore respinge, la sfera giunge a Cantatore che ha spazio per lasciare partire un potente tiro che si infila tra Bosio e il palo alla sua destra. I valbormidesi hanno solamente il tempo di esultare: palla a centrocampo e il Pietra pareggia. Lo scatenato Fontana parte per le vie centrali, cogliendo impreparata la difesa ospite, entra in area, salta anche Quintavalle e appoggia in rete.

Il rapido botta e risposta di fatto chiude il primo tempo. I biancocelesti si fanno avanti solamente in altre due occasioni. Al 42° un lancio di Bertone da metà campo trova Fontana che spalle alla porta controlla e tocca per l’accorrente Patitucci, questi entra in area ma spara alto. Al 45° Ricotta lancia in profondità per Fontana: troppo lungo, Quintavalle si impossessa del pallone.

La prima nota di cronaca della ripresa è di marca ospite, con un’iniziativa di Palermo che con determinazione si libera di due avversari e va al tiro da fuori area: il pallone, leggermente deviato, esce alla destra di Bosio. Le difese continuano a prevalere ma, rispetto alla prima frazione di gioco, entrambe le squadre sembrano cercare con più insistenza il goal del vantaggio.

All’11° Chiarlone scodella in area dalla trequarti, il pallone è indirizzato ad Acquarone ma Sancinito è attento e di testa sventa in corner. Sull’altro fronte Ricotta conquista con caparbietà un tiro dalla bandierina. Se ne incarica Fornari, sul palo opposto c’è Bosio che però non trova la coordinazione per colpire efficacemente di testa. Al 15° il Bragno imposta una lunga azione che non va a buon fine e i locali ripartono in contropiede: Fontana lascia sul posto Cantatore e tocca in area per Riva che manca la deviazione vincente, Ricotta rilancia l’iniziativa con un lungo traversone dalla sinistra e Fontana prova la conclusione al volo ma colpisce male.

Al 19° è il Bragno ad usufruire di un corner dalla destra: Mazzieri la butta in area, Bosio esce male e fallisce la presa, il pallone scorre senza che nessuno trovi il tocco vincente. Al 21° Fontana si incunea tra le maglie della difesa ospite e viene atterrato. La punizione da posizione centrale è calciata da Riva sulla barriera; il rimpallo è dello stesso attaccante ed il suo tentativo è ancora deviato, il pallone giunge sulla destra a Fornari che dal fondo crossa in area dove Patitucci è ben piazzato ed è lesto a insaccare. Il goal del vantaggio carica il Pietra che va ancora al tiro con Fornari, Quintavalle blocca.

La partita procede frequentemente inframezzata dai tanti fischi dell’arbitro, che punisce numerosi falli in attacco. Nel giro di un minuto prima Ricotta frana in area ospite, poi Giannone fa lo stesso in area pietrese: il direttore di gara lascia correre. Stessa sorte ha poco dopo una caduta di Fontana. Ai più sembrano tutte palesi simulazioni ed hanno solamente l’effetto di scaldare gli animi.

Il Pietra ci prova ancora con Riva, il suo sinistro è alto. Dall’altra parte Bosio è chiamato a deviare in angolo un tiro di Palermo, la cui traiettoria in un primo tempo sembra fuori misura, poi pare indirizzarsi sotto la traversa. Al 31° i biancoverdi recriminano per un traversone dalla destra di Laurenza che Sancinito intercetta: alcuni giocatori del Bragno chiedono il tocco di mano ma si prosegue.

Gli uomini di mister Dondo rifiatano un paio di minuti quando Sparzo resta a terra a seguito di uno scontro di gioco. Dopo l’intervento del massaggiatore il capitano si rialza e poco dopo giunge il terzo goal. E’ ancora Fontana a procurarsi un calcio di punizione sulla fascia destra: lo specialista Patitucci mette in area dove irrompe Sancinito che di piatto batte Quintavalle.

Il Bragno, sotto di 2 reti, sembra non crederci più e Giannone lascia partire un tiro dai 40 metri che sa tanto di tentativo disperato, ma ha fortuna: Pisano devia, Bosio è sorpreso e il pallone si infila sotto la traversa. Il goal accende il finale. Al 42° Cossu, che ha preso il posto di Di Maggio, arretrato nel ruolo di terzino sinistro dove giocava Mara, si invola sulla sinistra. Prima salta Bertone, poi, a seguito di un contrasto spalla contro spalla con Fornari, cade a terra. Gli ospiti protestano ancora, il Pietra riparte e Riva dalla sinistra fa partire un cross per Balestrino che cerca la sforbiciata ma manda alto.

I locali si chiudono a difendere il risultato. Giannone cerca il tiro dalla distanza, Bosio blocca. Il finale è palpitante. Al 46° calcio piazzato per il Bragno dai 20 metri, Giannone manda alto. Nel terzo minuto di recupero Fornari atterra platealmente Cossu. Per il calcio piazzato tutti i biancoverdi sono nella metà campo locale, portiere compreso. Il tentativo di Mazzieri è respinto dalla barriera, il pallone torna allo stesso numero 5 che al momento del tiro viene ancora atterrato. Astini assegna un nuovo calcio piazzato, tra le lamentele dei locali che gli ricordano come i 3′ di recupero assegnati siano ormai scaduti. Mazzieri però non è in vena e la sua conclusione è ancora respinta da Pisano in barriera. Dopo 49′ e mezzo giunge il fischio finale. Il Pietra Ligure può esultare per la 3° vittoria consecutiva, mentre il Bragno esce dal campo con rammarico per la prima sconfitta stagionale.

Il tabellino:
Pietra Ligure – Bragno 3 – 2 (p.t. 1 – 1)
Pietra Ligure: K. Bosio, Bertone, Sparzo (capitano), Pisano, P. Bosio (s.t. 45° Rosati), Sancinito, Ricotta (s.t. 32° Rossin), Fornari, Fontana (s.t. 38° Balestrino), Patitucci, Riva. A disposizione: Rumbolo, Venzano, Provenzano, Bay. All. Dondo.
Bragno: L. Quintavalle, Acquarone, Mara (s.t. 21° Cossu), Chiarlone, Mazzieri, Gaudenzi, Laurenza, Cantatore, Palermo, Giannone (capitano), Di Maggio. A disposizione: Ferrando, Goso, Pansera, Rolando, Lilaj. All. Bolondi.
Arbitro: Alberto Astini (Imperia).
Reti: p.t. 30° Cantatore (B), 32° Fontana (P), s.t. 21° Patitucci (P), 35° Sancinito (P), 40° Giannone (B).
Ammoniti: p.t. 23° Cantatore (B), s.t. 10° Fontana (P), 24° Palermo (B), 26° Di Maggio (B), 48° Fornari (P).
Calci d’angolo: Bragno 5, Pietra Ligure 3.
Fuorigioco: Bragno 2, Pietra Ligure 1.
Recupero: 0′, 4′.

Alcune immagini della partita:

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.