Cronaca

Albisola, uffici comunali e scuole al freddo

Albisola Superiore

[thumb:581:l]Albisola S. Edifici di proprietà del Comune tutti al freddo. Questa la situazione di Albisola Superiore è, come hanno spiegato gli assessori Maurizio Garbarini (lavori pubblici) e Roberta Casapietra (urbanistica e ambiente), stata ereditata dalla precedente amministrazione: “Al nostro insediamento (giugno 2009) abbiamo scoperto che gli impianti di riscaldamento degli edifici di proprietà comunale (scuole La Massa, ex scuole San Pietro e palazzo del Comune) erano in condizioni di non funzionalità ed in assenza di interventi strutturali non potevano garantire il riscaldamento per la stagione invernale”.

“In particolare le scuole della Massa e il palazzo comunale avevano le caldaie in blocco – spiegano Garbarini e casapietra -. Tale situazione, denunciata dal sindaco nel primo Consiglio comunale ha immediatamente provocato una serie di azioni dell’Amministrazione per porre un rimedio duraturo con interventi di sostituzione degli impianti e non con interventi meramente manutentivi che come nel passato avrebbero avuto un’efficacia solo temporanea ed avrebbero posto a serio rischio la possibilità di garantire le temperature necessarie negli edifici nel pieno dell’inverno”.

Il Comune ha provveduto a reperire, con una variazione di bilancio, le risorse necessarie che non c’erano sui capitoli dei lavori pubblici (140 mila euro). Si è dovuto procedere quindi ad una gara per la selezione di un progettista abilitato e successivamente si sono affidati i lavori ad un’impresa utilizzando ogni deroga possibile per accelerare i tempi degli appalti. I lavori, spiegano dall’amministrazione comunale, di integrale sostituzione della caldaia delle scuole La Massa, inadeguata per quell’edificio anche sotto il profilo dell’efficienza energetica (è stata acquistata una caldaia a condensazione, che offre ottime prestazioni), e gli interventi di straordinaria manutenzione e sostituzione di componenti degli altri impianti finiranno tra giovedì e venerdì.

Al termine degli interventi i problemi saranno quindi risolti in maniera duratura e saranno superate definitivamente anche le difficoltà, riscontrate nel passato, di poter regolare in tutti i locali pubblici le temperature ottimali evitando il sovrariscaldamento di alcune zone causato dalla necessità di garantire le temperature minime in altre. Con l’occasione l’amministrazione sta anche lavorando ad ipotesi di cappottature e utilizzo delle fonti rinnovabili alla scuola della Massa per ridurre ulteriormente i consumi energetici e migliorare il comfort per alunni e insegnanti.

“L’Amministrazione ha fatto il possibile per avere una situazione normalizzata per l’inizio della stagione termica (1 novembre) accelerando tutte le procedure. Ci rendiamo conto che il sopraggiungere della riduzione delle temperature in questi giorni sta provocando un evidente disagio agli studenti delle scuole, agli insegnanti e ai dipendenti comunali, ma è solo più una questione di pochissimi giorni, perchè tra venerdì e lunedì a cominciare dalle ex Scuole San Pietro (che oggi ospitano gli asili e il nido) e per finire con il palazzo comunale, entreranno in funzione tutti gli impianti. In questo modo oltre a garantire in maniera duratura le temperature adeguate negli edifici pubblici l’Amministrazione ridurrà sia i costi per l’energia e che l’inquinamento” hanno concluso gli assessori Garbarini e Casapietra.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.