IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Addio a Mike Bongiorno, pioniere del muretto alassino foto

Più informazioni su

[thumb:14162:l]Alassio. Addio a Mike Bongiorno, uno dei padri e decano insuperabile della televisione italiana. Volto conosciuto dal vivo anche nel Savonese, grazie ai suoi storici soggiorni alassini. “E’ stato uno tra i pionieri del muretto alassino. Tutto è iniziato quando i giovani che scavalcavano il muro davanti al Cafè Roma rovinavano con i loro zoccoli la scritta pubblicitaria dei suoi spettacoli all’Oriental Dancing, e lui si arrabbiava, così quando nacque l’idea delle piastrelle con le firme dei personaggi famosi fu tra i primi a sostenerla, ed in seguito a siglare il suo nome”.

Lo ricorda così, ancora affranto dalla notizia della sua morte, il maestro Berrino di Alassio: “A quei tempi aveva già una grande popolarità, eppure ogni volta che si sedeva al Cafè si dimostrava persona squisita e gradevole, sempre disponibile con il pubblico e con i suoi fans”. “Memorabili – ricorda ancora Berrino – le serate all’Oriental Dancing, con Mike presentatore, e già mattatore, in uno spettacolo di intrattenimento unico, con le band e le orchestre più in voga del momento”.

Al cordoglio del mondo dello spettacolo si unisce anche Felice Rossello, autore tv e docente presso il corso di laurea di scienze della comunicazione al Campus di Savona. “Mike è un mito, la tv è nata con lui” dichiara Rossello, proseguendo poi: “Purtroppo posso dire di averlo conosciuto appena, mentre Fabio Fazio è stato un suo grande amico. Per qualche tempo è stato anche suo inquilino a Milano, da cui aveva preso in affitto un attico e Mike abitava al piano sottostante”. [image:14158:r]

“Mike Bongiorno è stato il primo a capire i meccanismi televisivi e, soprattutto, che il pubblico vuole identificarsi con chi è al di là dello schermo” sottolinea l’esperto della comunicazione, commentando ancora: “Ha vissuto 85 anni sicuramente alla grande ed è morto lavorando, preparandosi ad una nuova avventura, il RiSkyTutto. Se fosse riuscito a partire avrebbe fatto letteralmente l’en plain, passando su tutte le emittenti, dalla Rai a Mediaset fino a Sky”.

“E’ stato uno dei grandi della tv, di quelli che, se non ci fossero stati, si avvertirebbe la differenza – ha commentato Fabio Fazio – Lui è stato la televisione”. Il presentatore savonese racconta: “Mike mi ha chiamato qualche giorno fa per dirmi che su Raiuno andava in onda uno speciale in cui c’eravamo anche noi due insieme. E poi mi ha sgridato: ‘Devi essere contento di riprendere il tuo programma. Alla mia età io ho più entusiasmo di te…'”.

La salma di Mike è stata composta all’obitorio della Societé Monegasque de Thanatologie (Somotha), in Avenue Pasteur. All’età di 85 anni, il celebre re del quiz è morto all’improvviso, stroncato da un infarto, nell’hotel Metropole di Montecarlo dove era in vacanza con la moglie Daniela.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da antonio gianetto

    Guardi che io non sono assolutamente sinistro, ma sono un italiano che, in questo momento, prova solo vervogna! Non c’ è comunque solo la stampa estera, quella magari non ha peli sulla lingua, non più tardi di questa mattina il nostro grande uomo delegittimava Milano e Palermo ed elogiava Bari, sinceramente non ho capito perchè: http://www.rainews24.it/it/news.php?newsid=131554

  2. LEONIDA
    Scritto da GUFO

    una volta avevamo il cominform,il cominter
    come depositari di ogni verità…….
    ora abbiamo questo nuovo ente supremo
    detto ((((STAMPA ESTERA))))))
    QUESTI SINISTRI DEVONO PUR CREDERE IN QUALCOSA

  3. Scritto da antonio gianetto

    Giusto per chiarire, dal sito del senato:
    http://www.senato.it/leg/15/BGT/Schede/Attsen/SenatoriAVita.html
    i senatori a vita sono questi:

    Prof. COSSIGA Francesco
    Entra a far parte del Senato in data 28 aprile 1992
    Comunicazione effettuata in data 28 aprile 1992

    Dott. SCALFARO Oscar Luigi
    Entra a far parte del Senato in data 15 maggio 1999
    Comunicazione effettuata in data 19 maggio 1999

    Dott. CIAMPI Carlo Azeglio
    Entra a far parte del Senato in data 15 maggio 2006
    Comunicazione effettuata in data 18 maggio 2006

    Senatori a vita di nomina presidenziale
    (Art. 59, 2º comma della Costituzione)

    Dott. ANDREOTTI Giulio
    Nomina in data 1 giugno 1991
    Comunicazione effettuata in data 18 giugno 1991
    Convalida in data 19 giugno 1991

    Dott. COLOMBO Emilio
    Nomina in data 14 gennaio 2003
    Comunicazione effettuata in data 21 gennaio 2003
    Convalida in data 4 febbraio 2003

    Dott.ssa LEVI-MONTALCINI Rita
    Nomina in data 1 agosto 2001
    Comunicazione effettuata in data 1 agosto 2001
    Convalida in data 21 novembre 2001

    Dott. PININFARINA Sergio
    Nomina in data 23 settembre 2005
    Comunicazione effettuata in data 27 settembre 2005
    Convalida in data 23 novembre 2005

    Prima c’ era anche :

    Dott. NAPOLITANO Giorgio
    Nomina in data 23 settembre 2005
    Comunicazione effettuata in data 27 settembre 2005
    Convalida in data 23 novembre 2005

    L’ attuale presidente non ha ritenuto doverne nominare altri.

  4. Scritto da antonio gianetto

    Non vorrei sbagliarmi, ma a giudicare da come viene dipinto dalla stampa estera, ho l’ impressione che il Berlusconi, il fango se lo stia buttando adosso da solo.
    Riguardo Mike Bongiorno, fino al 7 febbraio 2003, era soltanto un cittadino degli Stati Uniti, quindi non poteva diventatre parlamentare della repubblica italiana: notizie tratte dall’ web: “”” Sabato 08 febbraio 2003 Ieri pomeriggio Mike Bongiorno ha giurato fedeltà alla Repubblica Italiana ed è diventato cittadino italiano. La cerimonia si è svolta negli uffici del Comune di Milano. Il presentatore televisivo, che potrebbe essere annoverato fra gli uomini simbolo di 50 anni di storia del costume italiano, è nato a New York nel 1924 ed è sempre stato uno straniero in patria in quanto aveva sempre mantenuto la cittadinanza americana.””””
    “”””” mai celato desiderio del presentatore, e cioè diventare Senatore a Vita. Questo perchè considerato troppo vicino a Silvio Berlusconi, ma non solo. Anche per la sua giovanile appartenenza NON alle brigate partigiane (come invece ci viene erroneamente e faziosamente propinato in questi giorni con insistenza dai media), ma ai Servizi Segreti americani, l’ OSS, per i quali svolse il compito di Ufficiale di Collegamento con le prime. Tant’ è che la scoperta dei documenti d’ identità statunitensi gli salvò la vita dopo la cattura da parte della Gestapo. Ed infatti divenne cittadino italiano solo nel 2003.””” “””” Nel 1944, però, decide di lasciare gli studi e di partecipare alla Resistenza. Va a combattere sulle montagne ma viene arrestato dai nazisti e rinchiuso nel carcere di San Vittore, a Milano, dove condivide la prigionia con Indro Montanelli. È poi trasferito nei campi di prigionia di Gries, Innsbruck e Spittal dove rischia due volte di essere fucilato ma, grazie alla sua cittadinanza americana, nel 1945 viene inserito in uno scambio di prigionieri tra Stati Uniti e Germania, tornando in libertà.””””
    Visto che ci sono questi dubbi, per sapere se, veramente, era stato partigiano bisognerebbe sapere se era in possesso di un documento (come da DLL N° 518 del 21.8.45 ) , che gli riconosceva la qualifica di Patriota, dove veniva evidenziato di quale formazione partigiana avesse fatto parte.
    Non possiamo incolpare un presidente della repubblica per non averlo nominato senatore a vita. Se non lo ha fatto avrà avuto le sue buone ragioni.
    Poteva, però, benissimo diventare parlamentare, ma questo non avvenne, certamente non per colpa dei comunisti, forse per colpa dei fascisti che non gli perdonavano di essere stato partigiano?

  5. Giovanni Battista Cepollina
    Scritto da Giovanni Battista Cepollina

    “ha chiesto scusa ben prima di essere in corsa per la presidenza della repubblica”?
    informati prettydog53… non ha mai detto una parola sull’ungheria fino a quando fu invitato al pari di tutti i presidenti europei alle celebrazioni per il 50mo anniversario della rivoluzione ungherese. Li ha detto un timido …”scusate, i patrioti ungheresi combattevano per la libertà ma io stavo dalla parte sbagliata”…