Sport

Basket: Ovada chiude i conti, termina la stagione del Pool 2000

pool

[thumb:10302:l]Loano. La Giuso Ovada batte il Pool 2000 anche in gara 4 della finale di serie C Regionale e conquista il diritto a partecipare al prossimo campionato di C Dilettanti. Alla seconda finale consecutiva persa in gara 4 (l’anno passato finì 3 a 1 per il Tigullio) Loano si arrende con tanto rammarico per aver regalato gara 3 senza giocarla e sprecato l’impossibile nell’ultimo atto della stagione quando ha avuto la partita in mano per scarto nel punteggio e per inerzia.

Con Penè in quintetto Loano non subisce il solito inizio ad handicap, assesta il primo break (3 – 11) e scopre che Ovada è stritolata dalla tensione nel momento decisivo. I locali spaccano i ferri, compiono scelte sbagliate e Loano vola nel secondo quarto al massimo vantaggio (18 – 30), attaccando il canestro in penetrazione. La partita ha un padrone anche se Ovada, colpita a freddo, ha una prima reazione che la porta sotto di 3 (35 – 38) all’intervallo lungo.

E’ solo uno sprazzo perché al ritorno in campo i bianconeri ritrovano con 11 punti di vantaggio ed è lì che gettano alle ortiche la vittoria. La squadra di Prati ha più volte il colpo del ko a portata di mano, spreca canestri facili che avrebbero chiuso la partita e portato la serie a gara 5, si interstardisce nell’attacco alla zona solo perimetrale. Ovada ringrazia, accetta il regalo e quando Armana piazza sulla sirena del terzo quarto la bomba del – 5 (48 – 53) si capisce che la storia del match è destinata a cambiare. Nell’ultimo tempo la paura assale Loano che segna solo 7 punti in 9′ e 40″, Ovada ne fa 19 con nessun canestro da 2, 1 tiro libero e 6 triple. Quando ancora Armana mette la decima tripla di squadra di tutto l’incontro e porta a + 6 (66 – 60) il vantaggio Ovada con 35″ sul cronometro, la storia semba segnata. L’orgoglio di Volpi trova subito la bomba (63 – 66 a – 25″) e sul pressing Ovada consegna palla ai loanesi che hanno addirittura due tiri comodi dall’arco per il supplementare. Le due preghiere si spengono sul ferro e il tiro libero di Brignoli a tempo scaduto sancisce un epilogo davvero amaro.

Il tabellino:
Giuso Red Basket Ovada – Pool 2000 Loano 67 – 63
(Parziali: 13 – 17, 35 – 38, 48 – 53)
Giuso Red Basket Ovada: Brozzu, Carrara 6, Gorini 6, Armana 22, Prandi 12, Brignoli 19, Villani 2, Oneto ne, Fia ne, Tusi ne. All. Galdi.
Pool 2000 Loano: Bongioanni 2, Ciarlo 14, Di Palma ne, Bedini 13, Bovone ne, Volpi 9, Bigoni 13, Penè 6, Rocca 4, Mantero 2. All. Prati.
Arbitri: Yuri Federico Chiappe e Stefano Oro (Genova).

“E’ una vittoria bellissima – dichiara al termine della partita il presidente del Red Basket Mirco Bottero – perché l’abbiamo inseguita per anni, sfiorata in due finali che ci sono sfuggite per alcuni dettagli. Stasera la squadra ha sentito tutta la responsabilità di dover chiudere in casa questa sfida. Non abbiamo giocato bene, ma la vittoria è più dolce proprio per questo”.

“Volevamo a tutti i costi tornare a giocare a Loano gara 5 – commenta il presidente Dellacasa – e davvero siamo stati molto vicini a riuscirci. Domani sera alle 21 credo che ogni componente della squadra, ovunque si troverà, penserà che il suo posto, in quel momento, doveva essere il palazzetto dello sport per giocare in casa davanti a tanta gente l’ultimo momento di questa stagione. Per me sarà così, non tanto per inseguire la promozione, quanto perché la bella sarebbe stato un giusto premio al lavoro e un momento importante di partecipazione collettiva per tutto il movimento, non solo per la società”.

Loano chiude comunque un’annata importante con la finale di C Regionale dopo il primo posto nella stagione regolare (miglior risultato di sempre), i 2 titoli regionali Under 19 (sesto consecutivo) e Under 17, la finale nazionale 3vs3 Under 13, 143 partite giocate con 101 vittorie (il record è quello della scorsa stagione con 173 partite giocate), molti progetti per un futuro che comincia già domenica con il Two Days Camp riservato ai nati nel 1995 al palazzetto loanese.

“Senza voler passare per quello che cade da cavallo e dice che voleva scendere – prosegue Dellacasa – abbiamo sempre sostenuto che la C Dilettanti sarebbe stata più problematica da affrontare legata ai nostri progetti sui giovani e alla forte sinergia con Vado. La C Regionale rappresenta il giusto livello per far crescere ragazzi ancora in età giovanile. L’anno prossimo, ripartendo con un nuovo ciclo, faremo scelte significative”.

La prima è che dopo 6 anni con risultati importanti, coach Marco Prati non allenerà la prima squadra ma ripartirà dall’Under 15 (classe 1995/96) coordinando il settore giovanile. “Tutti ritengono che gli allenatori migliori non dovrebbero allenare prime squadre ma il settore giovanile. Poi però pochissime società lo fanno. Non solo per fortuna il nostro staff tecnico, nelle sue diverse peculiaritaà, è assolutamente interscambiabile. E questa ci è sembrata la scelta migliore da cui ripartire”.

Il Pool 2000 parteciperà a due tornei Senior (“Summer League” di Cogoleto dal 22 giugno e “Trofeo Panichi” nell’ultima settimana di giugno) e, in alternativa al torneo di Taggia, sta organizzando per domenica 14 giugno a Vado Ligure un quadrangolare under 17 (classe 1993). La stagione 2009/2010 è già ricominciata.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.