IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Spotorno, gattini in un sacchetto dei rifiuti

[thumb:8720:l]Spotorno. Cinque gattini di pochi giorni sono stati abbandonati in un sacchetto sulla spiaggia di Spotorno. A ritrovarli è stata una turista tedesca. Solo uno degli animali è sopravvissuto ed è ora accudito dai volontari dell’Enpa di Savona.

Quasi contemporaneamente, sono stati segnalati altri due abbandoni nei contenitori dell’immondizia: tre gattini a Pietra Ligure e due a Finale. Per tutti sono state necessarie le cure da parte dei volontari della Protezione Animali. Le guardie zoofile Enpa hanno avviato le indagini del caso per individuare i responsabili che rischiano una denuncia per aver violato l’articolo 727 del codice penale, che prevede l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. jchnusa
    Scritto da jchnusa

    lui la plume idea eccezionale ma semplice allo stesso momento però forse è troppo semplice perchè venga messa in essere
    ps una domanda leggendo i tuoi vari comenti mi è sembrato di capire che tu mangi tecnologia a colazione o sbaglio?

  2. Scritto da Antonio Marotta

    Una gratuita e inutile crudeltà. A chi davano fastidio questi poveri gattini? Mi viene in mente quel famoso detto: più conosco gli uomini e più apprezzo gli animali.
    Crudeltà per crudeltà li si poteva abbandonare senza chiuderli in un sacchetto, presso qualche giardino o in un vicolo. Poi il destino avrebbe deciso per loro.
    Un anno fa mi è capitata una randagina di un mese, malata e isolata dal branco. Ho cercato di fare il possibile per tirarla su, ma era molto debilitata. Alla fine l’ho affidata alle cure della mia veterinaria, con l’intento di restituirla alla sua vita randagia, ma almeno a posto, in condizione di poter affrontare sana la sua vita. Poi, una volta guarita, non ho avuto il cuore di lasciarla andare via e l’ho tenuta con me.
    Ma che ne parlo a fare. Molto meglio buttarli da qualche parte chiusi in un sacchetto, una gran bella prova di coraggio e civiltà…

  3. peppeskywalker
    Scritto da peppeskywalker

    I soliti ecologisti tutte chiacchere…

    Non vedo perchè i commenti all’articolo su PIANMARINO devastato a pasquetta sono stati 0 (ZERO!!!) Sui micini dolci, invece, tutti pronti a strapparsi le vesti…
    A me fa schifo chi uccide i gattini tanto quanto chi riduce una meraviglia naturale come Pianmarino a “cesso” a cielo aperto..
    Ma forse il prato ha meno diritti del gattino?

  4. Scritto da gabriello castellazzi

    la mia nipotina Lucia dice:”come mai avete ucciso i gattini che sono così bravi e belli e mi tengono tanta compagnia?E se l’avessero fatto a voi?
    Sono d’accordo con Lucia:Chi tratta male gli animali è capace di trattare male anche i bambini.

  5. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    In un periodo in cui la disoccupazione e’ in continuo aumento alcuni interventi potrebbero colpire due problemi contemporaneamente, le deiezioni abbandonate, i fenomeni di abbandono e …… la disoccupazione.

    La ricerca del dna degli animali domestici e la gestione dello stesso puo’ permettere la localizzazione degli autori di vari reati.

    Il costo di tale attivita’ potrebbe essere nullo per l’amministrazione pubblica …..
    per esempio il negoziante, il condominio, …. che si trova il regalino …. chiama, paga i 20 euro per l’analisi e la pulizia, cifra che gli verra’ restituita appena scoperto il colpevole.

    Si tratta poi di gestire una banca dati (che gia’ esiste, altre amministrazioni operano da anni in questa direzione).

Vuoi leggere IVG senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.