Crisi economica e sociale: riflessione della Diocesi

Povertà, Caritas

[thumb:10030:l]Savona. L’occasione delle celebrazioni pasquali spinge ad una riflessione la Diocesi di Savona-Noli: povertà e disoccupazione; titolo di studio, mercato del lavoro, flessibilità; edilizia, turismo e terzo settore; la crisi economica e la solidarietà. Questi i temi trattati.

Dall’attivazione del Fondo Emergenza Famiglie per aiutare le persone maggiormente in difficoltà, che ha già raggiunto i 112 mila euro, il Vescovo Monsignor Lupi, l’Ufficio pastorale per il sociale ed il lavoro ed il Consiglio Direttivo della Caritas Diocesana analizzano, senza sconti, l’attuale situazione economica e sociale.

“I dati del nostro Osservatorio hanno rivelato che il 73,6% delle persone che sono passate dai nostri Centri di Ascolto e servizi hanno presentato un problema relativo all’occupazione: disoccupazione, contratti in scadenza, inabilità al lavoro, impossibilità legata al permesso di soggiorno etc. C’è poi il problema dei nostri giovani che con i rispettivi titoli di studio fanno fatica a trovare occupazione, in un territorio che dall’industria deve ancora ridisegnare una sua vocazione produttiva. Il turismo è in forte crisi e il personale impiegato è spesso solo stagionale, troppo precariato anche in un ambito fortemente in crescita come il terzo settore. Infine, molti negozi, spesso gestiti da extracomunitari, che aprono e chiudono velocemente. Resta complessa – secondo la Chiesa savonese – anche la condizione della donna, divisa tra lavoro e famiglia, e con poca assistenza”.

Senza voler girare il dito nella piaga, dalla Diocesi arriva un incoraggiamento a perseguire iniziative di risposta al fenomeno della crisi: a cominciare da gruppi di acquisto solidale, dai gruppi di acquisto collettivo, alle forme di microcredito e di finanza etica che mai come oggi possono travare spazi per nuove relazioni economico-sociali. “In questi giorni la stessa CEI ha investito parecchie risorse per venire incontro alle famiglie in difficoltà attraverso l’istituzione di un microcredito che va ad integrarsi con ciò che già avviene in diverse diocesi in Italia”, sottolinea dalla Diocesi savonese.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.