Assemblea soci Acts: via libera al piano industriale - IVG.it
Economia

Assemblea soci Acts: via libera al piano industriale

Marson acts

[thumb:11414:l]Savona. Via libera al bilancio 2008, per la prima volta in utile da tanti anni, e al nuovo piano industriale da parte delle assemblee dei soci di Acts spa e Acts Linea spa. Confermato il cda di Acts SpA per ulteriori tre anni di mandato e il Collegio Sindacale. Nel consiglio di Acts Linea, invece, subentrano il segretario generale dell’Autorità Portuale, Emma Mazzitelli e l’amministratore delegato di GTT, Tommaso Panero. Escono dal consiglio Frank Olivier Rossignolle e Marco Cesaretti. Nel Collegio Sindacale di Acts Linea Emanuele Martinengo assume il ruolo di Presidente.

Lo spostamento da punto a punto per soddisfare le esigenze di trasporto dei flussi studenteschi e operai dalle periferie ai centri urbani; il rispetto di livelli minimi di servizio imposti da norme o direttive di enti superiori; l’introduzione di servizi “tampone” destinati a rispondere a richieste estemporanee di servizio: sono alcun delle linee guida del piano industriale, che una volta risolto il problema di bilancio e con i nuovi investimenti, può affrontare la sfida della riorganizzazione del trasporto pubblico savonese. Un servizio in grado di rispndere alla flessibilità e atipicità dell’utenza.

Al centro dell’analisi anche gli elementi critici del trasporto pubblico, e sui quali bisognerà investire: i trasferimenti veloci,il movimento continuativo all’interno dei numerosi ambiti locali presenti nel territorio provinciale: Bormida e Sassellese, area metropolitana Savona, area urbana piana di Albenga, aree degli entroterra di Varazze, di Finale e delle valli Aroscia e Neva; infine lo spostamento su fasce orarie non omogenee, ma continuativo nell’arco della giornata, tipiche dei lavoratori dei servizi, delle fasce più deboli.

Per Acts queste componenti della domanda si integrano perfettamente con una diversificazione dell’offerta, implementando la circolazione ad anello in aree territoriali omogenee, ad esempio, oppure diversificare i servizi urbani da quelli peri-urbani per accrescere la velocità commerciale e rendere flessibile l’offerta di movimento nell’ambito delle città o di nuclei multi-urbani.

Ovviamente i cda di Acts e Acts Linea hanno concordato nella necessità di integrare a livello di servizio il trasporto pubblico locale con gli altri sistemi di trasporto: strada, ferrovia, porto, quindi dai parcheggi cittadini, al trasporto su ferro in carico a Trenitalia, fino agli accessi turistici derivanti dagli sbarchi croceristici di Savona e Vado, nonché gli aeroporti di Albenga, Genova e Cuneo.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.