Sport

Hockey inline, Skating Club battuto dai Canguri Brebbia

inline

[thumb:10345:l]Savona. Seconda sconfitta per lo Skating Club Savona nel girone di Coppa di Lega. I nerofucsia hanno incassato un 6 – 2 sul campo dei Canguri Brebbia, decisi a vendicare lo stop dell’andata. Il primo tempo vede la squadra savonese piuttosto presente, capace di effettuare 11 tiri in porta (in particolare con il capitano Anthoine, Esposito e Salzano) contro i 6 del Brebbia. L’arbitro fischia la prima penalità della partita ai Canguri, che tuttavia riescono a costruire belle azioni nonostante l’inferiorità numerica: il portiere savonese C. Bermano riesce a bloccare tutti i loro tentativi, anche con una parata di spalla. Poi sono le Orche a prendere la loro prima penalità, fischiata a Zefferino per ostruzione, e il Brebbia non si lascia sfuggire l’occasione per andare in rete, trovando l’1 – 0.

Il goalie ospite si mette ancora in luce, parando un bello slap avversario; V. Bermano e Salzano sfruttano l’indecisione di un giocatore avversario e cercano il goal, senza però risultato. Si nota da subito la presenza attenta di Salzano: segue il gioco ed effettua dei passaggi azzeccati, commettendo però un errore quando lascia la porta libera ad un tiro locale, sul quale C. Bermano risponde presente. La partita prosegue a buon ritmo: Parodi segna, stoppando al volo un tiro all’indietro di Borreani, ma la rete viene annullata per la presenza di un uomo in area. Le occasioni per il pareggio non mancano: il goalie locale è a terra, ma un abile difensore del Brebbia toglie il dischetto pericoloso dalla zona rete; capitan Anthoine effetua un bel tiro in porta ma è parato; Borreani effettua un bel passaggio a Zefferino, il quale non trova il disco. A 5 minuti dalla fine del 1° tempo giunge il pareggio, grazie al goal di Salzano su assist di Anthoine.

Il direttore di gara comincia a fischiare frequenti penalità: prima per il Brebbia, subito dopo per il Savona, per uno sgambetto ed una steccata del capitano e così, a poco più di due minuti dalla fine del 1° tempo, le due squadre si affrontano tre contro tre. Esposito tira in porta, il goalie avversario para, ma il dischetto rotola di lato e finisce in rete, portando in vantaggio i nerofucsia.

Nella ripresa si parte con una penalità fischiata al Brebbia dopo il primo minuto di gioco. Il Savona comincia a dare segni di disattenzione, con Anthoine fermo a centro campo che si lascia rubare il disco, ma C. Bermano non viene impensierito. Il Brebbia però non si perde d’animo e va in rete, sfruttando un cambio savonese poco azzeccato, riportando la situazione in pareggio. Esce dall’anonimato V. Bermano, muovendosi grintoso verso la porta avversaria, senza però buoni risultati. Il Brebbia si prende altri due minuti di penalità per ostruzione, ma anche Esposito va fuori per un gancio, riproponendo il tre contro tre, che dopo poco diventa un due contro tre, per una nuova penalità ai Canguri. Ma ancora una volta il power-play savonese non produce risultati, tanto che i due giocatori avversari riescono comunque ad effettuare una bella azione, salvata in extremis da C. Bermano.

Esposito, dopo aver scontato la sua pena, rientra. Però, dopo una decina di secondi, torna ad occupare il posto della panchina-penalità, per un inavvertito sgambetto. Il Brebbia ne approfitta e in breve va sul 4 – 2. Il gioco prosegue, l’arbitro alza la mano per fischiare l’ennesimo fallo savonese (Tassinari per gancio) e Borreani viene fermato mentre sta andando in rete. Dopo la richiesta di un timeout di Anthoine, la partita riprende con un nuovo goal dei Canguri. Anche il Brebbia va in castigo per una spinta a Tassinari, seguita da un momento di tensione. A poco più di 4 minuti dalla fine Tassinari tira un forte slap, che non intimidisce il portiere avversario; Zefferino salva una situazione rischiosa in zona rete, allontanando il disco. Parodi si becca il fischio dell’arbitro per una carica scorretta: ormai i savonesi sono alquanto scoraggiati per avere perso contro un avversario alla loro portata. V. Bermano prova uno scatto felino verso la porta, ma niente da fare. La partita termina con il risultato di 6 – 2, con l’ultima rete segnata a 24 secondi dal fischio finale.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.