Turismo, dalla Bit le proposte della Liguria per superare la crisi - IVG.it
Economia

Turismo, dalla Bit le proposte della Liguria per superare la crisi

Spiaggia bagnanti turismo

[thumb:3585:l]Liguria. “Dallo stand della Borsa internazionale del turismo di Milano emerge una Liguria che non sta mai ferma, che risponde alle previsioni poco rosee per il 2009 con un programma molto speciale di offerte ed eventi da presentare a tutto il mondo. Credo che se tutti insieme faremo un buon lavoro, la crisi, forse, in Liguria, la sentirete meno”. A dichiararlo è il direttore generale dell’Enit, Eugenio Magnani, che ha commentato positivamente le proposte della Regione per la prossima stagione turistica.

Per uscire dalla crisi si potrebbe lanciare un nuovo modello: vacanze magari più brevi ma ripetute, visitando di volta in volta le varie “attrazioni” liguri, dall’entroterra, alle Cinque Terre, dai nove parchi naturali all’enogastronomia, senza dimenticare il mare o le bellezze artistiche delle varie città. Una strategia che, secondo molti esperti presenti alla Bit, potrebbe premiare la Liguria anche in piena crisi mondiale, se, come emerhe dalle analisi di settore, sempre meno italiani andranno in vacanza all’estero. L’obiettivo dovrà però essere legato a una nuova politica dei prezzi.

Nel corso di una conferenza stampa, l’assessore regionale al Turismo, Margherita Bozzano, ha annunciato che, oltre ai 23 milioni per il sostegno alla ricettività, oggetto nelle prossime settimane di un bando ad hoc, incentivi per il turismo arriveranno anche dal fondo per le aree sottosviluppate. Saranno 85 milioni di euro destinati a migliorare il sistema di depurazione (35 milioni), ai parchi e all’Alta Via dei Monti Liguri (10 milioni), al completamento e alla promozione della rete ciclabile (5 milioni) ed al Parco costiero del Ponente Ligure (10 milioni), oltre che per interventi di valorizzazione del patrimonio culturale (15 milioni), per la funivia delle Cinque Terre (5 milioni) e per nuovi impianti sciistici di Santo Stefano d’Aveto e di Monesi.

Nello stand della Liguria alla Bit sono presenti 24 operatori turistici, altri 50 operatori liguri sono presenti al BuyItaly, il grande workshop internazionale di incontro tra la domanda e l’offerta. Quasi duemila rappresentanti della domanda straniera hanno già chiesto di incontrare quelli liguri. Stati Uniti e Germania, con 234 operatori ciascuno, sono in testa alle richieste.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.