IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Albissola, cimento contro progetto Fuksas

[thumb:2261:l]Albissola. Torna anche quest’anno “Cimento contro il cemento”, l’iniziativa prevista per domani, domenica 25 gennaio, alle 11 nella spiaggia libera della Madonnetta di Albissola Marina: in programma una nuotata ‘fuori stagione’ per protestare contro il progetto del porticciolo turistico e la torre alta 120 metri disegnata dall’architetto Massimiliano Fuksas. La manifestazione è organizzata dal Coordinamento Margonara Viva, con il supporto di altre associazioni ambientaliste.

Sul tema è intervenuto nei giorni scorsi anche il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando, dopo gli incontri con la Port Authority savonese e i comuni di Savona e Albissola: “è necessario trovare una soluzione al progetto concertata e adeguata alla salvaguardia del territorio”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bruno Pirastu
    Scritto da Bruno Pirastu

    Sembra che nel tempo il corso del Letimbro sia stato modificato, praticamente tutta la parte ‘800 di Savona è sull’acqua. Pianura alluvionale. Non solo il vecchio Ospedale ma molti palazzi della zona sono su palafitte. Per l’acqua , ce n’è e anche, una volta, molto buona. Se ancora in funzione ci dovrebbero essere delle pompe dell’acquedotto dalle parti di Via Venezia. La collina della Villetta è una spugna. Salendo sopra , verso Ranco, c’è in cima alla collina una vecchia cisterna che serve la zona. La maggior parte dell’acqua però mi sembra di ricordare arrivi dal Santuario da località Cimavalle , poco dopo il ponte della Ferrovia. UN vantaggio di Savona è quello di non essere Turistica vero che ,al contrario delle altre cittadine della Riviera, la sua popolazione (consumo) è praticamente costante per tutto l’anno. Tutto questo da cittadino curioso e non adetto ai lavori.

  2. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Ricordo che a Milano per evitare problemi con la falda venivano utilizzate delle siringhe di una ventina di metri in grado di creare una barriera … poi procedono gli scavi ed ovvi isolamenti … ora vado a bere un bicchiere di sana acqua contaminata dal metro’.

    Credo il sistema sia brevettato e venduto con successo, l’esperienza cumulata ha fatto si’ che la MM (metropolitana milanese) ora gestisca anche la rete idrica.

    No …. sono oltremodo convinto che oggi l’operazione sia fattibile a costi accettabili senza alcun rischio per la falda ….. e per la costa.

    ….

    Ora che ci penso un collegamento autostada (e parcheggio enorme) – porto con un bateau-mouche oltre a togliere traffico in citta’ potrebbe essere un motivo di attrazione turistica in grado di invogliare il turista a dare fiducia ad una citta’ che si appresta a …. ad attirarlo con mille moine.

  3. Scritto da antonio gianetto

    Non sono al corrente di dove sia la massima concentrazione d’ acqua dolce.
    Personalmente ho visto fuoriuscire acqua dolce limpidissima, dal pavimento del caveau della Banca Popolare di Novara in P.zza Diaz, pensavo si fosse rotta la tubazione dell’ acquedotto, ma il direttore della banca, mi disse che tutta quella zona , nel sottosuolo è piena d’ acqua dolce, disse inoltre, che da quelle parti ( Via au fossù ) arrivava acqua che andava a sfociare nel porto. Il vecchio ospedale è stato costruito su pali conficcati nel terreno come a Venezia, per i Palazzi di piazza dei Martiri hanno dovuto ricorrere a sistemi analoghi per via dell’ acqua nel sottosuolo, hanno avuto problemi con l’ acqua all’ ex cinema Astor e a Legino. Dai cappuccini alla Villetta ci deve essere qualche sorgente, quando piove molta si allaga la strada, perchè tracimano i masconi, pura alla Olivetta, ce n’ era un’ altra, dove aveva costruito la sua villa il dentista Baima Riva, il quale un giorno si trovò col fondo della casa allagato. Sicuramente ci sarà anche acqua nel sottosuolo di Vado. Non è da escludersi che la centrale elettrica, che ha molta sete di acqua dolce, se la ciucci.
    Comunque io sono nato genovese e non conosco bene Savona, sicuramente Bruno potrebbe informarci meglio. Quello che è certo è che finora a Savona non abbiamo mai avuto problemi con l’acqua potabile.
    Un anziano che vive vicino a me, mi ha detto che molti anni fa, dai rubinetti usciva acqua salmastra. Secondo la mia opinione, nel corso dei secoli, l’ acqua dolce densità 1,000 si è stratificata sopra l’ acqua salata densità 1,025. Forse, a causa di prolungate siccità, si era pescato troppo ed era penetrata acqua salata nella falde, alterando l’ equilibrio. Queste, comunque, sono soltanto delle mie considerazioni.

  4. lui la plume
    Scritto da lui la plume

    Accidenti …. la falda sul mare?

    Boh …. un caro amico tanti anni fa’ aveva realizzato delle chiuse che permettevano la navigazione a Milano, …. esisteva anche il laghetto dove scaricare le pietre per il Duomo …. poi un altro personaggio decise di chiuderle per favorire l’inquinamento, ora …. invece di ripristinare la navigazione (che bel sogno) si sono inventati l’ecopass.

    Probabilmente il problema della falda e’ risolvibile (sempre a Milano mi pare che una linea del metro’ …. vi corra dentro … o quasi).

    Cosa dire mi piacciono poco i porticcioli che sottraggono costa e parimenti apprezzo le “barchette” nei fiumi (barchette … mica si possono portare le barche a vela sotto i ponti esistenti).

    Domanda … la falda arriva anche al fiume di Vado o in quel fiumiciattolo tra Zinola e Vado dove viene scaricata l’acqua calda della centrale?

    Certo che chi oggi parcheggia la sua barca nel porto di Savona … ed abita a Zinola potrebbe … avvicinare la barchetta a casa lasciando libero qualche posto.

  5. Scritto da r. bazzano

    Ha perfettamente ragione: sarebbe un po’ come sperare che a Torino arrivino molte auto perchè c’è la Fiat…
    a parte la battuta, io spero che le barche arrivino e anche grosse, ma che arrivino come in altri posti, nei quali per attirarle non c’è stato bisogno di distryuggere o stravoglere la costa, anzi!
    Più la costa è bella ed accogliente e più i turisti arrivano anche in barca.. o ci raccontiamo che verrano tutti qui per vedere la “torrefallica” di Peppino Fuksas, il Silo pendente o l’emiciclo schifido in costruzione??