Sport

Basket, il Riviera sfodera un grande carattere ma non basta: vince Forlì

Sport - 2008/09

[thumb:9885:l]Quiliano. La sfida contro la capolista VemSistemi Forlì ha confermato il valore della Tirreno Power Riviera, cui resta però l’amaro in bocca per aver visto sfuggire di un soffio l’impresa. Dopo due tempi in perfetto equilibrio, una terza frazione sottotono e un ultimo quarto alla riscossa con una spettacolare rimonta, i biancorossi si sono trovati in vantaggio 77 – 74 ad un minuto e mezzo dalla fine della partita. Ma un errore in fase di costruzione e un’ingenuità hanno favorito il nuovo sorpasso da parte degli ospiti, che sono riusciti a chiudere il match sul 77 – 80 a proprio favore, confermandosi da soli al vertice del girone.

Per il Riviera la 10° giornata ha fatto registrare la 4° sconfitta consecutiva, sia pure con le attenuanti del caso. La squadra si è infatti mossa meglio rispetto alle ultime uscite, gli schemi di corsa sono apparsi più organizzati e la manovra collegiale ne ha beneficiato. Senza contare che la squadra allenata da Alessandro Crotti doveva fare i conti con l’assenza del play titolare Paolo Calbini, fermato da un infortunio alla schiena. La società è corsa ai ripari ingaggiando dalla Trenkwalder Reggio Emilia (quarta in classifica in LegaDue) il play-guardia Yassin Derraa, classe 1989, alto 191 cm. Si tratta di un giovane che all’occorrenza può giocare anche come esterno o come marcatore delle ali piccole. Dotato di un fisico ben piazzato, è di nazionalità italiana: è nato a Roma.

Il palasport di Quiliano presenta il minimo stagionale di spettatori: probabilmente in molti fra i consueti frequentatori hanno approfittato del ponte festivo per concedersi una vacanza. Sono circa 500 i presenti, tra i quali circa 25 forlivesi che si fanno notare dal punto di vista coreografico e con alcuni cori. La partita si apre con le due squadre pronte a sfidarsi a viso aperto. Al canestro di Guerci risponde subito Benfatto. Sono poi Mossi e Benedusi ad infiammare il pubblico con due bombe dalla distanza. Il primo quarto procede con Riviera e Forlì in sostanziale equilibrio, in un susseguirsi di azioni che vanno a buon fine. Sul 27 – 25 Crotti lancia nella mischia il nuovo acquisto Derraa. Il suo primo pallone coincide con un grave errore, ma avrà modo di rifarsi. Il tempo si chiude con i forlivesi avanti.

Nella seconda frazione il copione si ripete. Pagliari firma la tripla del 38 – 38, poi Baggioli riesce ad incunearsi due volte nella difesa ospiti centrando il canestro da sotto che porta il Riviera di nuovo avanti (40 – 38). La sirena di metà gara suona però sul pareggio: 46 – 46.

Al rientro dagli spogliatoi entrambe le squadre appaiono più appannate e le percentuali al tiro crollano. Guerci e Pagliari si accorgono delle difficoltà e con la loro esperienza tentano di mantenere alto il ritmo. Trionfo piazza una delle sue bombe (60 – 66), ma Baggioli perde precisione e la squadra si fa trovare in difetti ingenui come la scadenza dei 24″ con la palla in mano. Nel finale Forlì ne approfitta e si porta addirittura sul + 9 (60 – 69 con Benfatto).

All’inizio dell’ultima frazione di gioco gli ospiti provano a prendere il largo: Frassineti e Liburdi portano la Vem Sistemi sul + 10 (62 – 72). Entra Gironi e il Riviera trova nuovi stimoli. Derraa centra la sua prima tripla in maglia vadese (67 – 72). Pagliari dà il via ad una rincorsa che porta i padroni di casa a raggiungere il – 3 (69 – 72), Mossi piazza il canestro del 71 – 72 a tre minuti dalla fine. Forlì riesce ad allungare 71 – 74, ma due tiri liberi di Pagliari ed un fallo tecnico fischiato contro Forlì per una simulazione di Brigo regalano al Riviera il vantaggio 75 – 74 e la palla a favore. Ancora Pagliari firma altri due liberi (77 – 74). L’impresa sembra cosa fatta, ma Mossi macchia la sua ottima prestazione perdendo ingenuamente palla e lasciando la possibilità per un facile contropiede agli avversari: Forray va a segnare il pareggio subendo anche fallo (77 – 78), poi Brigo firma il canestro del 77 – 80. C’è un solo secondo perché Guerci tenti la tripla che regalerebbe il supplementare al Riviera, ma la palla va a rimbalzare sul ferro.

“Spiace perdere una partita per degli episodi” spiega il coach del Riviera, Alessandro Crotti, “ma non va dimenticato che giocavamo contro la capolista e senza Calbini, che è il miglior play del campionato. Dopo due tempi in perfetto equilibrio, siamo stati sotto di dieci punti e abbiamo avuto la forza di reagire. Peccato perdere così”.

“Va dato atto alla squadra di aver mostrato l’orgoglio, l’apporccio è stato diverso rispetto alle prove opache delle scorse settimane, anche se il risultato ha portato un’altra sconfitta” aggiunge il presidente Roberto Drocchi. “Ora andremo a Lumezzane, a sfidare una squadra che ha gli stessi nostri punti. Abbiamo potuto vedere anche il nuovo acquisto Derraa, da lui ovviamente non ci aspettavamo che desse la svolta alla partita. Ma di sicuro ha aiutato il coach ad avere a disposizione un maggior numero di rotazioni”.

Proprio il nuovo arrivato, Yassin Derraa, è rimasto favorevolmente impressionato dall’ambiente biancorosso: “Ho visto un pubblico molto caldo e vicino. La società è bene organizzata e credo che si potrà lavorare bene per raggiungere gli obiettivi prefissati”.

Il tabellino:
Tirreno Power Vado Ligure – Vem Sistemi Forlì 77 – 80
(Parziali: 27 – 29, 46 – 46, 60 – 69)
Tirreno Power Vado Ligure: Benedusi 8, Ficetti ne, Baggioli 4, Derraa 3, Pagliari 17, Mossi 14, Trionfo 9, Gironi 10, Guerci 12, Bianchini ne. All.: Crotti.
Vem Sistemi Forlì: Villani 10, Davolio 8, Liburdi 15, Tassinari 8, Benfatto 11, Frassineti 11, Brigo 12, Masciadri, Forray 5, Mastella ne. All.: Di Lorenzo.
Arbitri: Alberto Maria Scrima (Catanzaro) e Angelo Valerio Bramante (Verona).

Nelle immagini, alcuni momenti della partita tra Tirreno Power e Vem Sistemi (foto di Danilo Vigo):

I risultati della 10° giornata:
Pentagruppo Ozzano – Siram Fidenza 95 – 89
Jesolo San Donà di Piave – Agricola Gloria Montecatini 92 – 86
Tirreno Power Vado Ligure – Vem Sistemi Forlì 77 – 80
Intertrasport Treviglio – Sil Lumezzane 80 – 71
Nobili Castelletto Ticino – Paffoni Omegna 94 – 74
Miro Radici Finance Vigevano – Banco Sardegna Cagliari 60 – 59
Witor’s Cremona – Assigeco Casalpusterlengo 70 – 74

La classifica vede la Tirreno Power uscire dalla zona playoff:
1° Vem Sistemi Forlì 16
2° Assigeco Casalpusterlengo 14
3° Paffoni Omegna 12
3° Intertrasport Treviglio 12
3° Miro Radici Finance Vigevano 12
6° Siram Fidenza 10
6° Witor’s Cremona 10
6° Nobili Castelletto Ticino 10
6° Jesolo San Donà di Piave 10
10° Agricola Gloria Montecatini 8
10° Tirreno Power Vado Ligure 8
10° Pentagruppo Ozzano 8
10° Sil Lumezzane 8
14° Banco Sardegna Cagliari 2

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.