Albisola, querela per diffamazione dal sindaco Parodi - IVG.it
Cronaca

Albisola, querela per diffamazione dal sindaco Parodi

Tribunale

[thumb:3355:l]Albisola S. Verranno ascoltati dalla magistratura savonese il coordinatore comunale di Forza Italia ad Albisola Superiore Diego Gambaretto e il vice coordinatore provinciale di Forza Italia Andrea Valle in merito alla querela presentata dal sindaco Lionello Parodi per diffamazione a mezzo stampa.

Gambaretto e Valle erano stati gli autori di una lettera pubblicata da IVG.it in data 25/10/2008 dal titolo: “Albisola, lettera sul sindaco Lionello Parodi”, nella quale veniva annunciato che il primo cittadino albisolese non si sarebbe più rincandidato per le prossime elezioni comunali.

I due autori della missiva avevano attaccato duramente l’operato del sindaco durante la sua amministrazione. Ma la critica era sfociata anche sul personale, con riferimento “a terreni di proprietà del sindaco edificabili” e in particolare sul famoso manifesto elettorale con Burlando, che, secondo Gambaretto e Valle, lo avrebbe portato a farsi nominare primario all’ospedale San Paolo di Savona. Ecco uno stralcio della missiva: “in questi cinque anni in cui Albisola deperiva giorno per giorno, è stato bravo, bravissimo, a diventare primario, dopo aver posato per un manifesto elettorale con Burlando dove tutti i presenti, ad eccezione di uno solo meschino, sono diventati primari. Inoltre, mentre studiava da primario, è riuscito a trovare il tempo per iniziare l’edificazione dei suoi terreni e, siccome il lavoro và premiato, di aumentare al massimo livello consentito dalla legge gli emolumenti suoi e dei suoi assessori, il tutto a carico delle nostre tasche”.

Le dure parole dei due esponenti forzisti hanno poi spinto il primo cittadino albisolese a sporgere querela. Domani intanto verranno ascoltati alcuni assessori e membri dell’amministrazione comunale di Albisola come persone informate dei fatti.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.