Politica

Garlenda, progetto della Borgata Nuova: osservazioni respinte

[thumb:7564:l]Garlenda. Nell’ultimo consiglio comunale di Garlenda sono state controdedotte e quindi non accolte le osservazioni al SUA della Borgata Nuova presentate dall’opposizione, da Italia Nostra e dal WWF.

“Spiace rilevare come l’unica osservazione originale elaborata dall’opposizione di Dario Braggio (le altre erano di natura tecnica e la esatta copia di quelle presentate da Italia Nostra e WWF) fosse diretta, di fatto, contro il soggetto attuatore della Borgata Nuova, rappresentato dalla cooperativa locale – osserva il sindaco Giuliano Miele – Abbiamo pertanto l’obbligo di precisare come il preventivo raggiungimento di un’intesa tra l’amministrazione comunale e gli aventi titolo delle aree, nella fattispecie la cooperativa, per l’attuazione dell’intervento urbanistico dell’area C1 fosse imposta direttamente dal vigente PRG e che costituisse quindi un vero e proprio obbligo per l’amministrazione e non una facoltà”.

“La cooperativa – precisa il primo cittadino – è costituita nella stragrande maggioranza da comuni cittadini di Garlenda, che per la prima volta nella storia di questo paese hanno la possibilità di diventare, in prima persona i veri artefici, di una trasformazione urbanistica fondamentale, non speculativa, già immaginata e prevista in quella zona, dagli amministratori di oltre 25 anni fa”.

“Incomprensibile poi il voto contrario, dell’opposizione, alla nostra richiesta di variante al Piano Regolatore per modificare la norma che prevedeva la pura e semplice demolizione delle tre case in fregio alla strada provinciale abitate da cittadini di Garlenda, senza che fosse prevista alcuna compensazione, a loro favore, di trasferimento delle cubature esistenti” conclude Miele.

[image:2876:c:s=1]

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.