Floricoltura: l'Ortofrutticola a Budapest per l'apertura del Viridarium - IVG.it
Economia

Floricoltura: l’Ortofrutticola a Budapest per l’apertura del Viridarium

Viridarium Hungary

[thumb:9351:l]Albenga. Il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando e l’assessore all’Agricoltura Giancarlo Cassini hanno inaugurato oggi, nel parco industriale di Szigetszentmiklos a Budapest, in Ungheria, il polo florovivaistico Viridarium Hungary insieme con le Regioni Toscana, Lombardia e Piemonte rappresentanti istituzionali ed economici dei Paesi destinatari del progetto.

La società che ha aperto la struttura, destinata alla vendita di piante e fiori recisi e prodotto vivaistici, è composta da un consorzio interregionale (Viridarium Italia) formato dalle principali cooperative florovivaistiche della quattro regioni italiane, associate con realtà imprenditoriale commerciali ungheresi con il coordinamento e il sostegno dell’Istituto per il Commercio Estero di Budapest.
Per la Liguria, che ha fatto da capofila dell’iniziativa con le altre regioni italiane e gli ungheresi, partecipano il Consorzio Flor Coop Sca di Sanremo e l’Ortofrutticola Sca di Albenga.

Viridarium Hungary apre così le porte della propria Piattaforma Logistica in Ungheria per la commercializzazione e la distribuzione di fiori, piante e prodotti vivaistici italiani, con proiezione anche nei Paesi limitrofi dell’Europa Centro-Orientale.
La struttura è dotata di un capannone attrezzato di 2.400 metri quadrati a cui si aggiungerà un’ulteriore fabbricato, fino a raggiungere 5.200 metri quadrati di impianto fruibile.
I clienti di Viridarium possono anche acquistare i prodotti via internet, collegandosi al sito www.viridarium.hu

Quello di oggi è il primo risultato di progetto europeo di promozione che vede lavorare in pieno accordo cooperative di diverse regioni e diverse settori per far conoscere Viridarium in tutti i paesi dell’Est Europei, presenti all’inaugurazione con un centinaio di rappresentanti del comparto florovivaistico.
Spiega l’assessore Giancarlo Cassini: “Il Viridarium Hungary è un esempio virtuoso di come fondi pubblici e privati possano dare risultati ancora prima della conclusione di un progetto, lanciato negli anni scorsi dalla Regione Liguria, con l’obiettivo di sostenere promozione e la vendita di tutta la floricoltura italiana sui mercati dell’Europa dell’Est seguiti con molto interesse da altri produttori europei, olandesi ovviamente in testa”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.