Economia

Andora, il Comune ha 17 mln di euro in cassa e non può spenderli

Andora - comune

[thumb:2838:l]Andora. Sesto sugli oltre ottomila comuni italiani. Questo l’ottimo piazzamento ottenuto dal comune di Andora nella classifica della gestione virtuosa delle risorse finanziarie che, nell’area del nord-ovest risulta essere primo.

Le floride casse comunali andoresi ora contengono 17 milioni di euro che l’amministrazione non può utilizzare perché il patto di stabilità non tiene conto dei comuni sani. “Con questo risultato – afferma il sindaco Franco Floris – vediamo riconosciuti gli effetti positivi delle politiche applicate in questi anni. I risultati sono arrivati grazie agli interventi, tra loro diversificati, ma accomunati dagli obiettivi dell’efficienza e della ricaduta a vantaggio dei cittadini”.

Il Comune ha costituito una Srl pubblica il cui unico socio é lo stesso Comune. La società si occupa della segnaletica stradale orizzontale e verticale, della gestione delle aree verdi, del porto, della spiaggia libera attrezzata della farmacia e della parafarmacia: in questo modo è stata migliorata la qualità dei servizi e oggi è possibile produrre utili, senza l’impiego di risorse pubbliche.

“Tutto ciò – dice il sindaco – tenendo conto che negli ultimi anni non abbiamo aumentato la pressione fiscale, mai applicata l’addizionale IRPEF, abbiamo diminuito del 10% il costo per i cittadini dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani, abbiamo abbattuto il minimo impegnato sull’acqua per quanto riguarda le seconde case”.

Vuoi leggere IVG.it senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.