IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Arte, il maestro ingauno Vigliaturo in mostra al Ducale

Più informazioni su

Albenga. Un grande artista, molto conosciuto ed amato non solo ad Albenga, ma anche in tutta la Liguria, da tanti appassionati d’arte della nostra regione, espone a Palazzo Ducale a Genova, dove una delegazione ingauna si è recata nei giorni scorsi proprio per visitare la mostra. Si tratta del maestro Silvio Vigliaturo, uno dei pochi artisti al quale, ancora in vita, sia stato dedicato un Museo (il grande complesso, di oltre tremila metri quadrati, ad Acri, in provincia di Cosenza).
Nel 2006 l’artista calabrese realizzò, prima per i Giochi Olimpici, e poi per quelli Paraolimpici di Torino, l’opera in vetro ” Segni di luce” che venne consegnata a tutti i vincitori ed alle autorità dei paesi ospiti.
“La bella mostra genovese “Trasparenza” – dice Augusto Andreini, esperto d’arte e noto collezionista – è una occasione ghiotta per gli amanti dell’arte, o per coloro che ancora non conoscessero le grandi opere in vetro di Silvio Vigliaturo. Il grande maestro della vetro-fusione, scultore onirico e surrealista, realizza opere atemporali, che lo collocano fra i più grandi artisti contemporanei del settore”.
La mostra, organizzata nell’ambito della rassegna di arte e design dalle infaticabili Elena Boschieri ed Elisabetta Lodoli, presenta l’ universo fiabesco dei grandi personaggi in vetro di Silvio Vigliaturo: diavoli, giullari, generali e ballerine, illuminato, e posto in relazione, con alcuni capisaldi del design, come la lampada in vetro di Mimmo Rotella, Bokka di Karim Rashid, Primordiale di Venini, Yoga di Berchicci e Callimaco di Ettore Sottsass.
“Le composizioni- dice – il noto critico d’arte Luca Beatrice – costruite a puzzle, giocate sull’incastro, evidenziano tra gli amori novecenteschi di Silvio Vigliaturo: il Picasso Post cubista, il senso della decorazione di Matisse, la pittura surrealista di Mirò, il contorno evidenziato in Liechtenstein. Sono passioni, per l’appunto, non punti di riferimento o citazioni. Sono tracce in cui Vigliaturo ritrova il proprio background di uomo che vuole sovrapporre la modernità del segno e dell’immagine ad una tecnica ed un materiale vecchi come il mondo”.
In mostra da segnalare anche Sun JAR, l’interessante proposta di bioenergia del giovane Tobias Wong e le opere luminose create con Led ( light emitting diode) di Erik Ferrari Ortelli.
La mostra resterà aperta tutti i giorni (escluso la domenica ed i festivi, dalle 12 alle 19) fino al 30 giugno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.