IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Sciopero, i portuali di Savona: “Siamo l’ultima ruota del carro, manca rispetto dei piani d’impresa”

“Purtroppo ci sono delle condizioni che non sono ottimali. Il porto di Savona dovrebbe essere gestito in maniera da portare più lavoro per la Compagnia Portuale perché in questi momenti soffriamo e siamo l’ultima ruota del carro a livello economico”. Così ha parlato questa mattina, a margine dello sciopero, facendosi portavoce del pensiero di tutti i suoi colleghi, Giordano Pia, della Fit-Cisl e socio lavoratore della Compagnia Pippo Rebagliati. “Tante merci, come per esempio la cellulosa solo per citarne una, sono ad alto tasso di manodopera e darebbero molto lavoro, ma non sono sfruttate al meglio nel porto di Savona e questo porta a sofferenze economiche. Problemi che si scaricano su di noi e portano a generare momenti come questo che non fanno bene a nessuno” conclude Giordano Pia. Nell’ambito dello sciopero è emersa anche una protesta contro il mancato rispetto dei piani d’impresa: “Il porto è demanio pubblico, per operare in porto occorre quindi una concessione e i terminalisti non hanno rispettato i piani d’impresa. A farne le spese siamo noi visto che a forniamo la manodopera” puntualizza Fulvio Carbone delegato della Cisl

Mostra tutto il testo Nascondi