IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Freekicksitalian: dal calcio savonese alla ribalta di Youtube foto

Intervista faccia a faccia con il trio diventato pioniere in Italia di un format già affermato nel mondo

Più informazioni su

Fare di una passione un lavoro partendo quasi da zero? È possibile. Tre ragazzi di Savona sono riusciti a creare un canale che conta ormai quasi trentamila iscritti, mischiando lo sport più seguito in Italia, la piattaforma di video online più famosa del mondo e tanta voglia di innovarsi ogni volta di più.

I loro nomi sono: Riccardo Alpa, Alessandro Davanzini e Marco Prataviera e sul “Tubo” si fanno chiamare Freekicksitalian. Ho avuto la fortuna di poterli incontrare per porgli qualche domanda.

Fate video sul calcio; da dove è nata questa passione?
La nostra passione è nata intorno al 2011 quando su Youtube hanno iniziato a circolare dei video di ragazzi tedeschi che si mettevano davanti alla porta e calciavano imitando lo stile dei migliori calciatori.
Si chiamano Freekickerz e ad oggi contano circa sei milioni di iscritti e qualche miliardo di visualizzazioni, la cosa che ci aveva stupito di più è che erano semplici ragazzi di diciannove o vent’anni e non avevano mai giocato ad alti livelli. Erano divertenti e, frutto del tanto allenamento, sapevano calciare delle punizioni impeccabili. Così nel 2013 nacquero i Freekickitalian su ispirazione dei colleghi tedeschi.

Freekicksitalian: dal calcio savonese alla ribalta di Youtube

Che cosa presentate di specifico nei vostri video?
Facciamo un po’ tutto quello che riguarda il mondo del calcio: tutorial di punizioni, dribbling, unboxing (presentazione) di materiale sportivo, recensioni e test di scarpe da calcio. A darci quel poco di notorietà sono stati i vari tutorial sulle punizioni di Messi, Ronaldo e Pirlo anche se riguardandoli oggi viene nostalgia e un po’ di imbarazzo: non eravamo impeccabili e l’editing era alquanto discutibile, ma la passione c’era e chi guardava i nostri video l’aveva capito ricambiando con l’iscrizione.

Freekicksitalian: dal calcio savonese alla ribalta di Youtube

Fare video del genere e avere quasi trentamila iscritti vi avrà portato sicuramente a rimanere in contatto con aziende del settore, quali agevolazioni vi fanno avere?
Nell’ultimo anno e mezzo abbiamo fatto venticinquemila iscritti alzando la qualità e la frequenza dei video, questo ci ha permesso di ottenere alcune collaborazioni con negozi di materiale sportivo come: Footballitalia, Sportit e Quicksport. Nel 2017 abbiamo avuto la bella soddisfazione di diventare “ambassador” per Adidas, ciò ci permette di ricevere scarpe da testare ogni volta che ne esce una nuova versione. Un altro momento da ricordare è stato l’essere presenti al “launch” delle nuove Adidas Predator a Milano, a questo evento erano presenti i due giocatori della Juventus Miralem Pjanic e Alessandro Del Piero e il noto presentatore di Sky Federico Buffa. A breve partirà un’altra collaborazione con un’azienda italiana che progetta calze anti scivolo per migliorare la stabilità del piede all’interno della scarpa.

Freekicksitalian: dal calcio savonese alla ribalta di Youtube

Questo genere di video è parecchio usato all’estero, soprattutto negli USA e nel centro e nord Europa, ma in Italia non sono ancora emersi del tutto, come mai secondo voi?
Che l’Italia arrivi sempre in ritardo sulle novità è già abbastanza risaputo, ma in questo caso verrebbe la voglia di incolpare un po’ la crisi che sta travolgendo il nostro paese nel campo del calcio giovanile e dilettantistico: le scarpe costano molto e il mercato tende ad essere fermo, complice anche il fatto delle quote abbastanza alte che le società chiedono ai ragazzi che si vogliono avvicinare allo sport. Sempre meno ragazzi che giocano vuol dire poche scarpe acquistate e di conseguenza c’è poco interesse verso i video dove vengono presentate. Speriamo che tutto possa cambiare nel più breve tempo possibile per rilanciare le società e il calcio dilettantistico italiano e di conseguenza l’interesse da parte dei ragazzi più giovani.

Ringrazio molto i ragazzi di Freekicksitalian per la disponibilità e per averci spiegato molto chiaramente come funziona la loro vita online e il loro lavoro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.