IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

I calciatori savonesi che ce l’hanno fatta

Scopriamo chi sono i calciatori savonesi che hanno giocato e che attualmente militano nel campionato di serie A

Più informazioni su

Nella storia dello sport italiano più popolare sono stati pochi i calciatori nati nella provincia di Savona ad arrivare fino alla serie A. Per la precisione sono 19 quelli che sono riusciti a raggiungere questo prestigioso palcoscenico, ma solo uno oggi disputa il massimo campionato calcistico italiano: è Stephan El Shaarawy. Un altro giocatore che milita attualmente in serie A può però essere considerato savonese a tutti gli effetti, anche se nato a Genova: si tratta di Andrea Barberis, calciatore forse non noto a molti.

I primi savonesi a giocare in serie A, secondo quanto riportato da Franco Astengo nel blog “Storia del Calcio Savonese“, furono Bo (Alessandria), Borgo (Torino, Juventus, Genoa e Ambrosiana Inter), Pendibene (Palermo, Novara e Torino), Levratto (Genoa, Ambrosia Inter e Lazio, suo il gol che decise la finale di Coppa Italia vinta dal Vado nel 1922), Manlio Bacigalupo (Genoa e Venezia) e Valerio Bacigalupo, le cui carriere calcistiche si svilupparono nel periodo tra la Prima e la Seconda Guerra Mondiale: Valerio Bacigalupo, nel ruolo di portiere, vinse quattro scudetti consecutivi con il “grande Torino”, prima di perdere la vita insieme agli altri componenti di quella formidabile squadra nella tragedia aerea di Superga. Negli anni ’50, ’60, ’70 e ’80 Brancaleoni (Torino e Bari), Recagno (Sampdoria), Teneggi (Torino), Turone (Milan, Catanzaro e Roma, con la quale sfiorò lo scudetto), Salvi (Sampdoria, Milan e Vicenza) e Gualco (Cremonese) calcarono i campi da gioco del principale campionato calcistico italiano; più recentemente Carparelli (Sampdoria, Empoli e Siena), Ponzo (Modena), Solari (Sampdoria), Marcolini (Bari, Atalanta e Chievo) e Panucci, hanno collezionato presenze in serie A tra gli anni ’90 e il nuovo secolo. Christian Panucci, attuale Commissario Tecnico dell’Albania, ha praticamente vinto tutto da giocatore, grazie alle esperienze con le maglie di Genoa, Milan, Real Madrid, Inter, Chelsea, Monaco, Roma e Parma, oltre a 57 presenze con la maglia della Nazionale.

Vorrei ora descrivere brevemente, con l’aiuto delle informazioni riportate da Wikipedia e da Transfermarkt, la carriera dei due atleti che attualmente giocano nella massima divisione del Campionato di Calcio Italiano per far conoscere un po’ di più il loro percorso sportivo.

I calciatori savonesi

Stephan Kareem El Shaarawy. Nato a Savona il 27 ottobre 1992 da padre egiziano e mamma italiana, tira i suoi primi calci al pallone nelle giovanili del Legino; viene notato dal Genoa, squadra dove approda nel 2006, all’età di quattordici anni. Si capisce subito che il ragazzo è dotato di grande talento, tanto che a quindici anni gioca già stabilmente nella squadra Primavera. El Shaarawy brucia le tappe: nel 2008 viene chiamato con la Nazionale Under 16 e successivamente fa il suo esordio in serie A il 21 dicembre 2008 in Chievo-Genoa (0-1), entrando nella top ten degli esordienti più giovani del massimo campionato. In quella stessa stagione conquista la Coppa Italia e la Supercoppa italiana sempre nelle file della Primavera, mentre l’anno successivo (2009-2010) vince lo scudetto di categoria, segnando nella finale del Campionato e collezionando altre due presenze in serie A. Dopo aver ottenuto il terzo posto ai Campionati Europei con la Nazionale Under 17 e aver partecipato al Campionato Mondiale di categoria, viene convocato anche con le Nazionali Under 18 e Under 19. Successivamente il Genoa, per far crescere il ragazzo, decide di mandarlo in prestito al Padova in serie B: con 25 presenze e 7 gol (più due nei play-off) contribuisce alla grande stagione dei veneti sfiorando la promozione in serie A. Questa splendida annata lo consacra a livello nazionale, tanto da ricevere la chiamata con gli Azzurrini Under 21 all’età di diciannove anni e l’attenzione del Milan, che in estate lo acquista dal Genoa.

Durante la prima stagione tra le fila del Milan, colleziona 28 presenze (tra Campionato, Coppa Italia e Champions League) con 4 reti (2 in Campionato e 2 in Coppa Italia), sfiorando lo scudetto. In estate (2012) fa il suo esordio con la Nazionale maggiore, con cui gioca stabilmente fino alla Confederations Cup del 2013, anche perché la stagione 2012/2013 in rossonero è quella della consacrazione: diventa titolare fisso e con 46 presenze e 19 gol (anche in Champions League) più 8 assist, realizza la miglior annata, fino ad ora, della sua carriera. Nelle due stagioni successive gioca poco (28 partite e 4 gol) a causa di continui e “misteriosi” infortuni che purtroppo gli fanno perdere il posto in Nazionale. L’esperienza di sei mesi al Monaco in Ligue 1 è altrettanto negativa (solo 3 gol di cui 1 in Champions e 2 in Europa League, senza trovare continuità di prestazioni): molti lo danno ormai per finito già all’età di 23 anni, ma lui non si arrende e cerca riscatto con il trasferimento alla Roma nel Gennaio del 2016.

I calciatori savonesi

Il ritorno in Italia è esaltante: in sei mesi colleziona 18 presenze e 8 gol più due assist, meritandosi la chiamata del Commissario Tecnico Antonio Conte per gli Europei del 2016. Nelle ultime due stagioni alla Roma non ha sempre avuto il posto da titolare, ma quando ha giocato ha dimostrato tutto il suo valore (2016/2017: 44 presenze e 12 gol più 10 assist, mentre nella stagione in corso ha realizzato 6 gol e sette assist in 24 partite). Con la Nazionale ha totalizzato 23 gettoni e 3 gol. La sua posizione preferita è attaccante esterno a sinistra, ruolo che esalta le sue doti migliori: corsa e grande tecnica. È diventato celebre per la sua cresta, il numero 92 e i diversi spot pubblicitari a cui si è prestato.

I calciatori savonesi

Andrea Barberis. Nato a Genova l’11 novembre 1993, cresce nel settore giovanile del Finale dove esordisce in Promozione nel Campionato 2010/2011. A gennaio il grande salto di categoria: si trasferisce al Varese dove colleziona 16 presenze nel campionato Primavera e 3 nella fase conclusiva del torneo, dove perde la finale scudetto con la Roma. In estate passa in prestito al Palermo: anche qui gioca il campionato Primavera, realizza i suoi primi gol (2 in 21 partite) e partecipa alla fase finale della competizione: purtroppo però la squadra è eliminata negli ottavi. Le prestazioni sono buone tanto da collezionare diverse presenze con le Nazionali Under 18 e Under 19, ma non abbastanza per poter prendere parte al campionato di serie B con il Varese. Allora viene dato in prestito al Pisa in Lega Pro: esperienza positiva con 31 partite e 5 gol tra campionato, Coppa Italia e Coppa Italia Lega Pro; il tutto impreziosito da un gol nella finale play-off contro il Latina, che però non è sufficiente per ottenere la promozione in serie B.

Terminato il prestito annuale, ritorna al Varese dove partecipa al campionato di serie B per due stagioni consecutive: il primo anno colleziona 20 presenze tra campionato e play-out (dove fornisce un assist decisivo per la permanenza nella serie cadetta), oltre a 1 partita in Coppa Italia e 3 presenze con un gol nella Primavera; il secondo anno gioca 24 volte tra Campionato e Coppa Italia trovando un gol e un assist, ma il Varese retrocede e poco dopo la società fallisce. Si ritrova così svincolato e coinvolto nelle inchieste sul calcio scommesse per alcune partite truccate dal Catania.

I calciatori savonesi

È il Crotone a offrirgli un contratto nell’estate del 2015, sempre in serie B: e così contribuisce con 26 presenze e 1 gol alla storica promozione dei pitagorici in serie A. Finalmente il 18 Settembre 2016, a ventidue anni, esordisce in serie A contro il Palermo (1-1). La sua prima stagione nella massima categoria è tutt’altro che negativa: gioca un totale di 26 partite arricchite da tre assist, con un grande finale di stagione che permette al Crotone di salvarsi all’ultima giornata, mantenendo inaspettatamente la categoria. Nell’attuale campionato ha giocato tutte le 20 partite finora disputate. Il 10 rossoblù predilige giocare in mezzo al campo come centrale o mezz’ala: è un buon incontrista e discreto tiratore di calci piazzati.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Laura Vigo

    Scusate, ma il povero Enrico Cucchi non ha giocato nell’Inter? Magari mi sbaglio…

  2. unbe
    Scritto da unbe

    Carparelli fu il bomber del Genoa, nella Sampdoria giocò praticamente solo nelle giovanili.

    1. Andrea Chiovelli
      Scritto da Andrea Chiovelli

      In realtà io mi ricordo un anno, mi pare 1996/97, in cui l’attacco titolare era Mancini-Montella, Montella andò in crisi e quindi per un po’ di tempo il mister schierò un tridente Mancini-Carparelli-Iacopino… in seguito Montella tornò titolare ma Carparelli e Iacopino si alternarono comunque spesso in attacco, soprattutto il primo

  3. Scritto da Michela Pesce

    https://it.wikipedia.org/wiki/Enrico_Cucchi

  4. Scritto da triolomaurizio

    Avete dimenticato Enrico Cucchi……