IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Giuseppe Conte presenta Sesso e apocalisse ad Istanbul (Giunti)

Giuseppe Conte presenta “Sesso e apocalisse ad Istanbul” a Savona

22/02/18

EVENTO GRATUITO
: La Feltrinelli Point La Feltrinelli Point, Via Astengo, 9, Savona, SV, Italia - Inizio ore 18:00 - Fine ore 18:00

Attenzione l'evento è già trascorso

Giuseppe Conte presenta Sesso e apocalisse ad Istanbul (Giunti), introducono Giovanna Rolandi e Emanuela Ersilia Abbadessa.
La libreria di Giona Castelli aveva chiuso i battenti definitivamente il 10 maggio 2015. Le sue Torri Gemelle si erano disintegrate nel nulla. Una giornata di primavera imbastardita dall’afa. L’ultimo libro che aveva venduto era stato Sottomissione di Houellebecq.
Si ricordava il titolo. E si ricordava l’acquirente. Non era difficile, né l’uno né l’altro. O meglio, l’altra. Perché l’ultimo acquirente era stata Vero, la sua amante. “Sesso e apocalisse a Istanbul” è un romanzo coraggioso e ricco di complessità e di furore, di dolore e di amore per la vita di Giuseppe Conte.
Giona Castelli, libraio genovese che ha appena dovuto chiudere la sua attività in crisi, accetta l’invito per un soggiorno a Istanbul da Veronica Solari, detta Vero, con cui ha una relazione tenuta segreta. Vero è una donna ricchissima, con un immaginario erotico fantasioso e scatenato, lettrice compulsiva di romanzi, sposata con un importante uomo politico.
Il progetto della coppia è realizzare un sogno di sesso e di trasgressione, ma Giona è anche un intellettuale raffinato e, in attesa della donna va a trovare lo scrittore amico Ilhan Durcan, il traduttore arabo di Henry Miller Khaled Nejim e Giuseppe Maria Rizzi, detto Ritz, un amico d’infanzia, ora direttore dell’Istituto Italiano di Cultura.
Rizzi è stato per tutta la vita un accanito cercatore di avventure omosessuali estreme, ma adesso ha smesso e confida a Giona di volersi sposare con il suo fidanzato.
E’ in un’atmosfera così, cosmopolita, avanzata, intellettualmente e sessualmente libera, che comincia l’avventura di Vero e Giona, ma presto questa vacanza erotica, questo scatenamento dei sensi che, per potersi schiudere aspetta solo il tepore e il profumo dell’Oriente e l’accompagnamento delle voci di quei poeti che più hanno saputo cantare le forze e il languore dell’eros, si tinge di nero.
L’ossessione di Vero, quella di essere posseduta da uno sconosciuto, prende le forme di un ragazzo italiano, genovese anche lui, investito senza danni dall’auto che trasporta la donna dall’aeroporto in albergo. E’ un incontro che si rivelerà fatale, un cappio che si stringe attorno al collo, uno dopo l’altro, di tutti i protagonisti.
Mescolando la sua conoscenza profonda delle evolutissime tradizioni che, al di sotto della cappa del conformismo e dell’integralismo, ancora innervano la vita culturale dell’Islam, con i fatti della cronaca più recente e i fantasmi dell’immaginazione erotica con le paure, le angosce dell’Occidente, Giuseppe Conte ha costruito questo romanzo. Giuseppe Conte
Giuseppe Conte (Imperia, 1945) ha pubblicato saggi, libri di viaggio come Terre del mito, raccolte di poesia, oggi tutte contenute nell’Oscar Poesie 1983-2015, e romanzi, da Primavera incendiata a Fedeli d’amore, dal Terzo ufficiale (premio Hemingway) a La casa delle onde (selezione premio Strega) sino a Il male veniva dal mare. Traduttore di Whitman e di D.H. Lawrence, grande viaggiatore, cultore appassionato del mito, impegnato da decenni nel confronto con il pensiero dell’Oriente e con l’Islam, ha vissuto per lunghi periodi in Francia. Attualmente abita in Riviera.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!