IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
Varie Eventi

Festival Musica da Camera “Le Vie del Barocco”: Concerto “Orient Express”

22/09/15

INGRESSO OFFERTA LIBERA
: Oratorio di N. S. di Castello Via Alessandro Manzoni, 9, Savona, SV, Italia - Inizio ore 21:00

Attenzione l'evento è già trascorso

Martedì prossimo 22 settembre alle ore 21 presso la Chiesa di Nostra Signora di Castello a Savona, il Festival di Musica da Camera “Le Vie del Barocco” presenta un concerto dal gusto esotico denominato “Orient Express: musiche antiche e moderne dall’Oriente”. Protagonisti del concerto saranno i musicisti austriaci Stefan Heckel alla fisarmonica e Erich Oskar Huetter al violoncello, affiancati dal flautista genovese Stefano Bagliano.

L’Orient Express, il leggendario treno passeggeri che collegava Parigi Gare de l’Est a Costantinopoli (l’odierna Istanbul), è il mezzo immaginario che ci condurrà ai colori, profumi, sapori, e suoni del Medio Oriente e a intricate ed intriganti vie laterali e secondarie rispetto alla principale arteria “barocca” del Festival. Una deviazione piacevolissima, come avviene in tutti i viaggi per scoprire, come in un gioco enigmistico, i collegamenti che sempre ci sono tra la musica colta e quella popolare e tra la musica proveniente dall’ Oriente e la nostra occidentale. Musiche arabe, ebraiche, armene, sefardite si mescolano e rincorrono in questo concerto dedicato al dialogo e alla pace.

Israele terra promessa e terra contesa, vede succedersi, nei secoli, popoli e culture che trovano espressione e voce anche nella musica. La storia e la cultura del popolo ebraico sono sempre state segnate da due tendenze opposte: la volontà di autonomia e l’integrazione. Da un lato infatti, intorno al 2000 a.C. il popolo Ebreo iniziò a distinguersi dagli altri popoli semiti nomadi del Medio Oriente. Dall’altro, nel 1050 a.C. gli Ebrei avevano occupato la Palestina; la loro cultura era stata influenzata dall’Egitto e dalla Mesopotamia, in pratica dal mondo orientale. L’arte musicale araba è forse ciò che subito sovviene nell’immaginario collettivo, non appena la mente si volge ad Oriente. Le atmosfere riscaldate dal sole e dalla sabbia del deserto sembrano veicolare melodie che richiamano una cultura tanto diversa e che, come tutte quelle esistenti nel globo terrestre, ha usato il medium musicale come primo mezzo espressivo, tanto che la cultura araba preislamica è conosciuta proprio tramite testimonianze per così dire musicali; complice anche la lingua, dotata di una musicalità intrinseca dovuta allo scontro di sillabe lunghe e sillabe brevi. Se musica araba e musica ebraica hanno in comune origini sacre e sociali e la società e dunque la storia dei popoli è strettamente connessa con la religione, altrettanto si può affermare per la musica armena; dove letteratura religiosa, fiabe e poesia, dalle origini al XVI secolo, sono strettamente legate all´arte della musica. In questo concerto si ascolteranno brani di queste varie tradizioni, eseguiti con strumenti appartenenti ad una cultura più vicina ai nostri giorni, a testimonianza della continuità e della possibilità di diverse riletture di un repertorio sempre valido e ricco che si rinnova di significato nello scorrere del tempo.

L’edizione 2015 del Festival si avvale del sostegno di Compagnia di San Paolo, Regione Liguria, Comune di Genova, Comune di Savona, Comune di Chiavari e Metco.

Ingresso gratuito con offerta libera.

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!