IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...
edipo

“Edipo” in scena al Teatro Chiabrera di Savona

06/02 » 08/02/18

EVENTO A PAGAMENTO
: Teatro Chiabrera Teatro Chiabrera, Piazza Armando Diaz, 2, Savona, SV, Italia - Inizio ore 21:00

Attenzione l'evento è già trascorso

Continua la stagione teatrale del Teatro Chiabrera di Savona: dal 6 all’8 febbraio, alle ore 21 (Turni A-B-C), Glauco Mauri e Roberto Sturno in scena in “Edipo” Edipo Re – Edipo a Colono di Sofocle.

con Ivan Alovisio, Elena Arvigo, Laura Garofoli, Mauro Mandolini, Roberto Manzi, Giuliano Scarpinato
scene e costumi Marta Crisolini Malatesta
musiche Germano Mazzocchetti

regia “Edipo Re” di Andrea Baracco
regia “Edipo a Colono” di Glauco Mauri
Compagnia Mauri-Sturno
Fondazione Teatro della Toscana

A distanza di oltre vent’anni la Compagnia Mauri-Sturno riporta in scena i due capolavori di Sofocle, per analizzare più compiutamente il mito immortale di Edipo, affidando la regia a due diversi registi: Glauco Mauri, per “Edipo a Colono” e Andrea Baracco per “Edipo Re”. Due registi, due generazioni a confronto, esempio di collaborazione e di continuità, oltre che condizione indispensabile per il futuro del teatro.

“Edipo Re” e “Edipo a Colono” sono due capolavori fondamentali nella storia dell’uomo, per gli interrogativi che pongono alla mente e per la ricchezza di umanità e di poesia che ci donano. La storia di Edipo è la storia dell’uomo, perché racchiude in sé tutta la storia del suo vivere. “Edipo Re” e “Edipo a Colono”, due opere scritte in epoche diverse della vita di Sofocle, sono qui combinate per esprimere poeticamente e raccontare compiutamente la “favola” di Edipo alla ricerca della verità. Alla fine del suo lungo cammino Edipo comprende se stesso, la luce e le tenebre che sono dentro di lui, ma afferma anche il diritto alla libera responsabilità del suo agire. Egli è pronto ad accettare tutto quello che deve accadere finanche la sua distruzione purché sia fatta luce. Solo nell’interrogarsi comincia la dignità di essere uomini. È questo che Sofocle con la sua opera immortale dice a tutti noi.

Convinti che il Teatro sia un’arte che può e deve servire “all’arte del vivere” affrontiamo queste due opere classiche per trovare nelle radici del nostro passato il nutrimento per comprendere il nostro presente, questo è il nostro impegno e il nostro desiderio.” (Andrea Baracco, Glauco Mauri)

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!