IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Unioncamere, nel savonese previsti oltre 3 mila occupati tra ottobre e dicembre

A livello ligure aumentate del 3,7% le opportunità di lavoro, maglia nera la provincia savonese con un -7,6 rispetto all'anno scorso

Liguria. Unioncamere ha reso noto i fabbisogni occupazionali delle imprese liguri nel periodo ottobre-dicembre 2018.

Il Sistema Informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in accordo con ANPAL, ha pubblicato i risultati del monitoraggio realizzato sulle aziende liguri in cerca di nuovi occupati.

Su circa 956mila assunzioni programmate dalle imprese a livello nazionale, in Liguria ne sono previste oltre 21mila (il 2,2% del totale Italia), di cui a Genova 12.730 (+6,7%), a Imperia 2.620 (+13,9%), a Savona 3.180 (-7,6%) e a La Spezia 2.830 (-3,1%). Rispetto allo stesso periodo del 2017, quando le opportunità di lavoro previste in Liguria erano 20.580, si registra una crescita complessiva della domanda pari al 3,7%.

Maggiori opportunità di impiego si registrano a Genova e Imperia: nel capoluogo ligure, sul totale delle imprese con dipendenti intervistate, il 21,8% prevede nuove assunzioni e nell’estremo ponente la percentuale è pari al 22,4%. Leggermente inferiore la propensione a nuove assunzioni in provincia di Savona e La Spezia: nel primo caso il 18,1% ha programmato nuove entrate, mentre nel secondo la quota si ferma al 20,0%, sul totale delle imprese intervistate. Nel trimestre in esame, il 76% delle assunzioni programmate sarà assorbito dai servizi e, rispetto alla classe dimensionale delle imprese, il 74% delle entrate riguarderà quelle con meno di 50 dipendenti.

Entrando nello specifico delle principali figure professionali richieste dalle imprese liguri, al primo posto figurano ancora cuochi e camerieri con 3.370 assunzioni previste (15,8% sul totale), di cui la metà in provincia di Genova; seguono i commessi e altro personale qualificato in negozi (8,9%) e gli addetti non qualificati nei servizi di pulizia e alle persone (6,6%).

Nel savonese, l’ammontare complessivo delle figure professionali richieste è di 3.180: le richieste maggiori riguardano cuochi e camerieri, 700, poi personale non qualificato nei servizi di pulizia, 320, a seguire i commessi, 260, e poi conduttori di mezzi di trasporto operai specializzati nell’edilizia, e 190.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.