IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maltempo, Enel sospende le bollette nei luoghi colpiti

Indennizzi in bolletta ai clienti che hanno subito disservizi

Liguria. Rimborsi automatici per chi ha subito disservizi, stop alle bollette per chi è stato colpito dai disastri. Lo ha ribadito oggi Enel con una nota ufficiale che ribadisce quanto annunciato già due giorni fa.

“Enel – recita la nota – ricorda a tutte le famiglie che hanno subito interruzioni prolungate del servizio elettrico che l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA) prevede l’erogazione di indennizzi automatici, per i quali quindi non è necessario che venga presentata alcuna richiesta, direttamente nella bolletta elettrica. Inoltre, Enel, accogliendo pienamente l’appello del Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, è in contatto con le Istituzioni centrali e con ARERA per la sospensione della fatturazione ai clienti nelle aree della Liguria colpite dalla calamità naturale”.

Una notizia che interessa da vicino la nostra provincia, dato che blackout e disagi si sono verificati a macchia di leopardo in diverse zone del nostro territorio e in particolare dell’entroterra. Per quanto riguarda gli indennizzi, gli importi saranno calcolati sulla base di parametri stabiliti dalla Autorità stessa, quali la durata dell’interruzione, il numero di abitanti della zona interessata e la tipologia della fornitura. Gli indennizzi verranno trasferiti da E-Distribuzione a ciascun venditore decorsi 60 giorni dalle interruzioni. A tali tempi vanno aggiunti quelli necessari ai venditori per trasferire il rimborso ai clienti direttamente in bolletta.

In particolare, hanno diritto all’indennizzo automatico i clienti di bassa tensione che subiscono un’interruzione di almeno 8 ore nei comuni con più di 5 mila abitanti e di almeno 12 ore nei comuni più piccoli. Per quanto riguarda i clienti in media tensione, saranno indennizzati tutti quelli che hanno subito interruzioni di almeno 4 ore nei comuni con più di 5 mila abitanti e di almeno 6 ore nei comuni più piccoli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.