IVG.it -  Notizie in tempo reale, news a Savona, IVG: cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Maltempo: durante l’emergenza al 112 ligure quasi 10.000 telefonate, una ogni 9 secondi foto

Impressionante il numero di chiamate al Numero Unico delle Emergenze in 24 ore: ben 2.800 quelle girate ai vigili del fuoco

Ligure. Quasi 10 mila chiamate ricevute in 24 ore, di cui circa 8.300 gestite direttamente. Sono i numeri impressionanti che fotografano il lavoro al quale sono stati sottoposti gli operatori del NUE nel corso dell’allerta dello scorso 29 ottobre.

A diffondere i dati è stato l’ospedale San Martino di Genova, che ha voluto ringraziare così gli operatori della Centrale Operativa del Numero Unico delle Emergenze 112 “che con grande dedizione e professionalità hanno affrontato l’ennesima emergenza che ha interessato la Liguria”. Durante il temporale e la contemporanea mareggiata infatti, sono arrivate ben 9.887 chiamate: si tratta di quasi 412 telefonate all’ora di media, poco meno di 7 al minuto, una ogni 9 secondi.

Di queste, fanno sapere dal San Martino, solo 1.597 sono state “traboccate” a Milano e gestite in Lombardia (a causa delle linee sature che automaticamente rimbalzano le chiamate al NUE lombardo), tutte le altre sono state seguite dagli operatori liguri. Ben 2.802 sono state le chiamate smistate ai Vigili del Fuoco: anche in questo caso il dato è impressionante, significa quasi 117 chiamate l’ora ossia poco meno di due al minuto.

Altre 633 telefonate richiedevano interventi di carattere sanitario, mentre 814 sono state quelle filtrate alle forze dell’ordine e 1.006 quelle di sola informazione. Altre 2.010 chiamate di richiesta di informazione non sono state trasferite agli altri centralini (118, vigili del fuoco, forze dell’ordine).

Ben 1.025, infine, le chiamate fatte per errore: il 10,37% del totale, un numero che lascia sicuramente perplessi. “Ma il panico in molti frangenti fa perdere il controllo – spiegano dal Policlinico – Il compito degli operatori del 112 è quello comunque di tranquillizzare chi sta dall’altra parte della cornetta”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di IVG.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.